Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


OCCORRE RIFONDARE  la MEDICINA DIAGNOSTICA e TERAPEUTICA
......perche la TUTTO cio' che ti hanno insegnato sulle malattie per la FALSO
Leggete QUI come gli "Enti" internazionali a "tutela della Salute" (OMS + CDC + FDA, ecc.)
sono chiaramente collusi con l'Industria Farmaceutica


La descrizione del meccanismo che nel secolo scorso permise ai grossi capitali finanziari di impadronirsi
 dell’intero sistema medico americano
  e non solo, attraverso il controllo dell’insegnamento universitario,
 i Rockefeller amavano chiamarla filantropia efficiente”, e' qui in questa pagina,  ben descritto.

Da settembre 2013, in tutta l’UE (Unione Europea), sul foglietto illustrativo (bugiardino) di determinati medicinali
farà la sua apparizione un triangolo capovolto.
Un contrassegno che segnala a pazienti ed operatori sanitari quei farmaci per i quali i consumatori
sono caldamente invitati a segnalare agli operatori nazionali, eventuali effetti collaterali inattesi.
In gergo tecnico, le medicine sottoposte a monitoraggio addizionale.
Si tratta di tutte le confezioni autorizzate dopo il 1° gennaio 2011 che contengono una nuova sostanza attiva; vaccini o prodotti derivati dal plasma di origine biologica; i medicamenti per i quali sono necessarie determinate informazioni supplementari nella fase successiva alla messa in commercio, o la cui autorizzazione è subordinata al rispetto di determinate condizioni o restrizioni per un impiego sicuro ed efficace.- vedi: PDF del comunicato stampa Commissione Europea

 

"Se non mettiamo la Liberta' delle Cure mediche nella Costituzione,  verra' il tempo in cui la medicina si organizzera', piano piano e  senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l'arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresentera' la Bastiglia della scienza medica". 
(By Benjamin Rush, firmatario  della Dichiarazione  d'Indipendenza USA - 17 Sett 1787)
Rapporto Flexner e Dichiarazione di Alma Ata + Sindacato Rockefeller = Dittatura sanitaria

MINISTERO della "SALUTE" italiano, avvelena i  nostri bambini con i Vaccini !
Storia dei Vaccini - 1 + Storia dei Vaccini - 2

I dittatori nascosti (clandestini) della medicina, d’altra parte li conosciamo molto bene…..; che vestano gli abiti dei “baroni” e degli “scienziati”, che si mimetizzano nelle “lobbies accademiche” od operino nelle multinazionali del farmaci,
sono loro quelli che “contano” e “governano” la medicina ufficiale.
Alle menti aperte e liberali il compito di reagire a questa marea montante di intolleranza anti-scientifica, prima che questi nuovi tiranni arrivino ad insegnarci perfino cosa e’ giusto e non e’ giusto pensare…! 220 anni dopo, questa situazione di dittatura sanitaria si per la realizzata e TU caro lettore cosa fai per contrastarla ??

L'F.D.A. (USA) ha TENUTO NASCOSTE le PROVE della PERICOLOSITa' dei CIBI TRANSGENICI

 
e di molti Farmaci e Vaccini   (vedi la trasmissione Report -Rai3 del 20704/08)

Corruzione e sistemi sanitari nel mondo: vedi http://www.epicentro.iss.it/focus/globale/globalcorrupt.asp
vedi anche: http://www.newmediaexplorer.org/ivaningrilli/2004/07/27/
chi_fermera_legemonia_delle_case_farmaceutiche_e_il_controllo_su_scienza_e_salute.htm

FILM interessantissimo da visionare:  http://video.google.it/videoplay?docid=4684006660448941414

L'aids per la la malattia chiamata Sindrome Di Immunodeficienza Acquisita, ma con che cosa ?
Con le vaccinazioni effettuate negli anni 1970 nelle nazioni del Centro Africa, si sono indebolite immunitariamente milioni di persone che successivamente negli anni 1980 si sono ammalate di Aids  !!
Forse questa guerra batteriologica per la stata studiata a tavolino, per mantenere i neri sotto il dominio delle multinazionali di Farmaci e Vaccini - Nel 2006 ormai nel mondo vi sono quasi 50 milioni di individui ammalati (dati OMS) ed il 75% per la in Africa......

L'Aids per la stato INVENTATO con il VACCINO ORALE per la Polio in Africa:
http://www.biasco.ch/originedelmale/download/files/Tgcom2.pdf
FORUM sul pericolo dei Farmaci e delle Case Farmaceutiche
Corruzione nella Sanita' italiana = Aifa
 

Corruzione e sistemi sanitari nel mondo: vedi http://www.epicentro.iss.it/focus/globale/globalcorrupt.asp
Visionare questi link: http://www.informatori.it/informatori/filepdf/sperimentazioni.pdf
video: http://www.youtube.com/watch?v=DoS02m0OevM

I VERI PADRONI della SANITA' nel MONDO
La descrizione del meccanismo che nel secolo scorso permise ai grossi capitali finanziari di impadronirsi dell’intero sistema medico americano  e non solo, attraverso il controllo dell’insegnamento universitario, i Rockefeller amavano chiamarla “filantropia efficiente”, e' qui ben descritto.
Purtroppo il medico che volesse domandarsi oggi da dove nascano tante di quelle “certezze” che gli vengono contestate .... da chi non si fida più della medicina ufficiale, dovrà risalire di quasi un secolo per trovarne l’origine. D’altronde, è lui stesso ad insegnare che il miglior rimedio contro una malattia non sia la semplice rimozione del sintomo, ma quella della causa stessa.


"L'industria farmaceutica è grande e potente come l'industria delle armi. Con la differenza che la guerra finisce. La malattia, no, finché c'è qualcuno che la tiene in vita" (By Hans Ruesch)  ....magari con i Vaccini

"Noi medici siamo plagiati, fin dall'inizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati da un manipolo di "professori" che hanno il solo interesse di lasciarci nell'ignoranza sulla vera origine delle malattie. Alcuni di noi, alla fine, raggiungono la consapevolezza e mettono in moto delle grosse energie che provocano reazioni positive nel Tutto."
By  Dott. Giuseppe De Pace (medico ortopedico ospedaliero)


v
edi: Rapporto Flexner e Dichiarazione di Alma Ata + Sindacato Rockefeller = Dittatura sanitaria + Comparaggio farmaceutico

 
Visionate questo video, parla un'informatore farmaceutico, sul Business dei Farmaci e Vaccini
http://ildocumento.it/farmaci/il-business-farmaceutico-current.html
 

vedi anche:
http://www.youtube.com/results?search_type=&search_query=cancro+ieri+ed+oggi&aq=f
http://www.youtube.com/results?search_type=&search_query=cancro+e+medicina+naturale&aq=f

2.000.000 di reazioni gravi ai farmaci ogni anno !

RICERCA DEVIATA ai MEDICINALI che MANTENGONO la MALATTIA CRONICA.
 INTERVISTA al PREMIO NOBEL per la  MEDICINA: RICHARD J. ROBERTS. - MEDITATE  e CONDIVIDETE !

 Il vincitore del Premio Nobel per la Medicina, Richard J.Roberts, denuncia il modo in cui operano le grandi industrie farmaceutiche nel sistema capitalistico, anteponendo i benefici economici alla salute e rallentando lo sviluppo scientifico nella cura delle malattie perché guarire non è fruttuoso come la cronicità.
vedi:
Conflitti di interesse fra medici e Big Pharma
 
"Recentemente in Italia, con l’introduzione del D.L. n. 95/03 si è provveduto ad abolire l’obbligo (diventa spontanea) di segnalazione di tutte le A.D.R. con le correlative sanzioni, ma rimane tuttavia obbligatoria la segnalazione delle A.D.R. gravi o inattese, di tutte le A.D.R. che riguardino i vaccini e quelle per quei farmaci che vengano inseriti in speciali elenchi, periodicamente pubblicati dal Ministero della Salute, riguardanti essenzialmente farmaci immessi di recente in commercio."
Tratto da: http://www.altalex.com/index.php?idnot=10104

Video da visionare per comprendere il meccanismo del FURTO dei nostri beni da parte di questi CRIMINALI a livello mondiale !

 

Video, parla una biologa:

 

CONFLITTI D’INTERESSI nella RICERCA BIOMEDICA e nella PRATICA CLINICA  
Approvato nella Seduta Plenaria dell’8 Giugno 2006 - Italy
Presidenza del Consiglio dei Ministri COMITATO NAZIONALE per la BIOETICA:
vedi PDF tratto da: http://www.governo.it/bioetica/testi/Conflitti_interessi.pdf


vedi: Ricerca nelle mani di Big Pharma + Riviste scientifico-mediche pilotate da Big Pharma + Comparaggio farmaceutico

vedi anche:
Conflitto di Interesse + Conflitti di interesse PDF - 1 + Conflitti di interesse PDF - 2  + Conflitti di interesse fra medici e Big Pharma + Conflitti di Interesse, denuncia del Governo Ii - PDF + CDC - 1 + CDC - 2  + FDA + Conflitti di Interesse, business farmaci e vaccini + Conflitti di interesse dell'AIFA
vedi anche:
ISS + Ministero della salute + EMA  +
CNR e Corruzione + Consenso Informato

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Costituzione Italiana: Art. 28
I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.

Commento
NdR: questo articolo come altri della Costituzione Italiana sono da sempre trasgrediti e disattesi proprio da coloro che lo rappresentano, specie nella Sanita', Finanza, tutela, commercio, agricoltura, ecc.
Per cui invitiamo i cittadini di questi stati trasgressori, compresi i loro rappresentanti e dirigenti, a DENUNCIARE all'autorita' giudiziaria tutti questi farabutti che trasgrediscono la Costituzione; verra' il momento, il tempo comunque nel quale il Popolo Sovrano, si sollevera' ed arrestera' tutti questi "soggetti" che compiono questi misfatti, sulla pelle del Popolo reso suddito... !

Mercato salute: PDF che segnala, dal punto di vista della medicina ufficiale, i vari ed inutili test, se non addirittura pericolosi, come ad esempio le mammografie, dette falsamente "preventive", perche' non prevengono nulla...anzi...!

Rimanete scettici e difendetevi dalle aziende farmaceutiche, la pagata... FDA, la stampa manipolata e la scienza fraudolenta che pubblicizza questi medicinali pericolosi (di sintesi) come toccasana per la vostra salute ! Dovete proteggervi, perchper la, ricordate: nessuno ha un tornaconto personale sulla vostra salute eccetto voi stessi.
Non ci sono aziende che guadagnano sul vostro stato di benessere; guadagnano solo sulle vostre malattie. Mantenetevi in salute e farete in modo che le aziende farmaceutiche NON possano trarre i profitti che così disperatamente sperano di ricavare dal vostro corpo.....magari con test fasulli facendovi credere di prevenire le ipotetiche vs future malattie....!
vedi: Conflitti di Interesse in Medicina


Ecco cosa afferma il dott. F. Franchi:
"Il più grande ostacolo al progresso della scienza e' il monopolio che ne fanno gli esperti, tra i quali si crea una rete (il cosiddetto establishment) che controlla i fondi per la ricerca, le pubblicazioni, gli incarichi accademici, le royalities per i test ed i farmaci, e mira a mantenere la sua posizione dominante di successo evitando per quanto possibile che altre idee, altre soluzioni, altre teorie possano filtrare scalzando le loro.
La censura c’e', e mentre una volta i "dissidenti" venivano fisicamente eliminati, oggigiorno lo stesso effetto viene ottenuto escludendoli dal circuito scientifico e mediatico che conta. Viene incoraggiata la raccolta di dati, una massa di dati sempre crescente, mentre scoraggiata e' la loro elaborazione critica".
Tratto da: http://www.dissensomedico.it 

EMEA ha legami con l'Industria Farmaceutica - ma NON solo l'EMA, ma anche TUTTI gli altri Enti a Tutela della salute dei cittadini, ormai divenuti solo sudditi dell'Impero farmaceutico !
Roma, 09 giu 2006 - "Nessuno ha ricordato una cosa: l'Emea, l'agenzia europea del farmaco, non dipende dall'amministrazione comunitaria della sanità ma da quella dell'industria. Un distinzione che dovrebbe far riflettere. A Bruxelles la forza delle lobby e' grandissima". L'osservazione e' di Luca Poma, portavoce di "Giu' le mani dai bambini", Comitato sui disagi dell'infanzia che raggruppa quasi cento associazioni di volontariato e promozione sociale. "Continuano a trattare i bambini come fossero, dal punto di vista metabolico, degli adulti", protesta Poma: e' "assurdo somministrare ai bambini  farmaci pensati per gli adulti.
Soprattutto il Prozac, psicofarmaco molto forte, che richiede prudenza nella somministrazione anche negli adulti". Prudenza che "sarebbe stato naturale attendersi, soprattutto dopo drammatici fatti di cronaca avvenuti negli Stati uniti - come le stragi nelle scuole causate da ragazzi in cura antidepressiva - ma che non e' stata usata".
Fonte: DIRE

Fate ATTENZIONE:
Wolfang Wodarg, il Presidente tedesco della Commissione Sanità del Consiglio d'Europa, ha accusato esplicitamente le industrie farmaceutiche di aver influenzato la decisione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità di dichiarare la pandemia.
Secondo Wodarg, il caso dell'influenza suina e' stato "uno dei più grandi scandali sanitari" del secolo.
Le maggiori aziende farmaceutiche, secondo Wodarg, sono riuscite a piazzare "i propri uomini" negli "ingranaggi" dell'Oms e di altre influenti organizzazioni (NdR; es. Unicef); e in tal modo potrebbero aver persino convinto l'organizzazione Oms ad ammorbidire la definizione di pandemia, il che poi portò, nel giugno scorso, alla dichiarazione di pandemia in tutto il mondo.
"Per promuovere i loro farmaci brevettati e i vaccini, le case farmaceutiche hanno influenzato scienziati e organismi ufficiali, competenti in materia sanitaria, e così allarmato i governi di tutto il mondo: li hanno spinti a sperperare le ristrette risorse finanziari per strategie di vaccinazione inefficaci e hanno esposto inutilmente milioni di persone al rischio di effetti collaterali sconosciuti per vaccini non sufficientemente testati".
per la tutto il sistema che e' marcio, tutto deve essere rivisto, Big Pharma controlla tutti, dalle riviste scientifiche, ai finanziamenti alle ricerche, ha rapporti con gran parte di chi ricopre funzioni di controllo ed indirizzo, le stessa sperimentazioni dei farmaci e' alquanto preoccupante, sono svolte dalle stesse case farmaceutiche e l'efficacia non può essere mai certa.
In Italia, ovviamente, non c'e' alcuna polemica...

Conclusioni: La Medicina moderna si è trasformata nei FATTI, in una sorta di braccio armato, a difesa degli interessi economici di una industria che specula e prospera sulle precarie condizioni di salute della gente, quando non arriva addirittura da ammalare di proposto con i vaccini anche i bambini !
 

Bugie della scienza medica
Why Most Published Research Findings Are False: http://www.plosmedicine.org/article/info:doi/10.1371/journal.pmed.0020124
Articoli di John Ioannidis pubblicati su PLoS Medicine:
http://www.plosmedicine.org/search/advancedSearch.action?unformattedQuery=author:"John+P+A+Ioannidis"&sort=Most+views,+all+time&pageSize=50


Malattie e  MORTE da farmaci e VACCINI (4° causa di morte negli USA) - vedi: i GRAVI DANNI dei VACCINI
http://www.fda.gov/Drugs/DevelopmentApprovalProcess/DevelopmentResources/DrugInteractionsLabeling/ucm110632.htm
http://jama.ama-assn.org/content/279/15/1200.full.pdf 
http://www.nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJM199102073240605
 


INDICE degli ARGOMENTI sulle
FALSITA' della MEDICINA UFFICIALE
Ministero della "Salute" italiano informato sui Gravi Danni dei Vaccini.....NON risponde...

NUOVA MEDICINA: HUMAN DEVELOPMENT INTERPRISE
(PDF in Italiano, del dott.Verzella F.)
vedi: Ecco descrizione di cio' che per la l'attuale medicina allopatica (dott. S. Stagnaro)
Lettera Aperta al Ministro della Salute - dott. Fazio - (By S. Stagnaro Ott. 2010)
 

$$$ influenzano studi ricerche
ADHD inventata per vendere Psicofarmaci
Alimenti Contaminati
Archivio sui danni dei farmaci

BARONIE, Universita' e MEDICI
Beppe Grillo: La dittatura sanitaria
Bevete piu' latte...che vi fa male !
BIG PHARMA
Bugiardino
Business dei Farmaci

Caccia alle STREGHE 
Caduceo
Carne e Cancro
Citazioni sui medici e la medicina ufficiale
Come gestire il mercato dei Malati

Come Nasce la Malattia ?  
CONFLITTI SPIRITUALI

Corporazioni
Cosa significano le parole VERO e FALSO

Dall'INDUSTRIA dei FARMACI alla MALATTIA
DANNI da Amalgami dentali
DANNI dei Farmaci
DANNI dei VACCINI 1
Dichiarazione di Pechino

DITTATURA SANITARIA
Dove e perchper la Nasce la Malattia ?
Epidemie
Errori dei Medici
ESPERIMENTI di laboratorio
Fallimento della medicina negli USA
Fallimento della medicina ufficiale

False Ricerche
Falsificazione Dati

Falsificazioni degli Studi Scientifici
FARMACI e CONTROINDICAZIONI

Farmaci ritirati dal commercio reimmessi
Giornata naz. su: Balla Ricerca sul Cancro
Grandi e Gravi BUGIE sull'AIDS
Gruppo Bilderberg
Guerra conto le Donne (con i Vaccini) 
Industria della Malattia
INFIAMMAZIONE (conCausa delle malattie)
Influenza Aviaria
Influenza Suina
Inquisizione medica

I Veri Padroni della Sanita' nel Mondo
La Bugia Pasteuriana  (di Pasteur)
La guerra del Dottor Matthias Rath
Le Carrper la, denuncia pericolo di medicina uff.
 

Le grandi conquiste della medicina ufficiale
Limiti della ricerca
Lobbies
MAFIA della SANITA'
Malattie del Passato

Malattie inventate
Malati milioni di cittadini (in Italia)
Marketing dei farmaci e Vaccini
MEDICI IMPREPARATI
Medici pagati da case farmaceutiche
MEDICI, una MINACCIA per la SALUTE  ?
Medicina Allopatica
Medicina e Potere
Medicina ufficiale NON per la Scienza
Medicina ufficiale terza causa di morte
Mercanti delle Armi TUTELATI 
Mercanti di Immortalita'...
Messaggi Subliminali
MINISTERO "SALUTE" it. informato sui Danni dei Vaccini
Morti della medicina ufficiale

Multinazionali 
Norimberga 2
Nuovi Tiranni
Pasteur e le sue Bugie...
Perchper la la Salute NON per la ancora un  Diritto Umano
Pericolo Farmaci e  Vaccini 
Potere e Giustizia
Produttori dei vaccini tutelati
PSICO FARMACI e loro Danni
Pubblico Credulone
Ricerca Scientifica
Sacrificare Salute
SACRIFICI UMANI
Sapevate che  i farmaci..
SARS malattia inventata
Sindacato Rockfeller (costituzione)
Statistiche Ministero manipolate

SPERIMENTAZIONE sull'UOMO
Statistiche in campo sanitario
Statistiche Ministero manipolate
Teoria sui germi che generano malattie per la Falsa
Telethon
Terrorismo con i Farmaci

UCCISI da FARMACI e VACCINI

Vaccini e business
Vaccini ed il loro Contenuto

VERA STORIA delle Scoperte BIOMEDICHE 
Veri Padroni della Sanita' nel mondo
 

 
12 MILA Cause giudiziare all'anno (solo in Italia) come negli USA, CONTRO i medici !
In Italia 320.000 malati all'anno subiscono danni evitabili in seguito alle "cure mediche", pari al 4% dei ricoverati negli ospedali.  
I morti in Italia per errori medici sono circa 35.000
!
.......e poi parlano di preparazione universitaria dei medici......certo, ma essi NON sono preparati sulle cause VERE delle malattie, altrimenti non starebbero in questo "buco nero"..... di incompetenza ed imperizia professionale ! Eccetto la Traumatologia, la Chirurgia d'urgenza e la Rianimazione, tutta la Terapeutica
per la un completo
Fallimento
!
Una medicina e quindi medici che NON conoscono i principi Fondamentali della Medicina stessa, quella Vera, e cioper la la Nozione di Terreno + i Vari Terreni + La Matrice Diagnostica Naturale + la Semeiotica Biofisica, per la una medicina priva di braccia....perchper la ancora nel pieno Medio Evo.
vedi anche: CNR e Corruzione +
Universita' in mano a Big Pharma + MINISTERO "SALUTE" informato sui Danni dei Vaccini
 


"Il mondo per la pericoloso da vivere non a causa di coloro che fanno il male, ma a causa di coloro che guardano e lasciano fare" (By Albert Eintein)
 

"Si aiuta un sistema malvagio con la massima efficacia obbedendo ai suoi ordini e decreti.
Un sistema malvagio non merita mai una tale lealtà. Tale lealtà significa condividere il male.
Un individuo contrasterà il sistema malvagio con tutta l'anima
".
"Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo"
(By Mahatma Gandhi)

La Medicina della MORTE (medicina ufficiale)
da uno Studio/Ricerca del Nutrition Institute of America Inc, per la emerso che nei soli USA ogni giorno per errori medico/sanitari.... "cadono 6 Jumbo al giorno".....
Sempre negli USA, se riconoscessero l'effettivo numero di errori e di sbagli,
che per la circa 20 volte superiore a quello riportato dalle statistiche ufficiali,
gli ospedali sarebbero soggetti ad accurate indagini giudiziarie...

Legami segreti tra organizzazioni di pazienti e compagnie farmaceutiche:

Fonte: Inchiesta del Philadelphia Inquirer, il quotidiano statunitense The Philadelphia Inquirer ha pubblicato  un'inchiesta sui legami quasi mai dichiarati di sei organizzazioni non-profit, che affermano di agire nell'interesse dei pazienti di altrettante malattie, e le compagnie farmaceutiche. Le sei organizzazioni, che lo scorso anno 2006 hanno ricevuto complessivamente 29 milioni di dollari in donazioni dalle industrie farmaceutiche.

I VERI PADRONI della SANITA'  +
  Ladri d'ITALIA   "Vantaggi ed utilita" di TELETHON
Casta dei Medici  +  Terrorismo Mediatico  +  Pubblico Credulone  +  Guerra contro le Donne (con i Vaccini)
MEDICI IMPREPARATI

MINISTERO "SALUTE" italiano informato su DANNI VACCINI
RESETTIAMO
la Sanita' nel mondo intero = da Reset = Ricominciare daccapo
Occorre
Rifondare TUTTA la medicina ufficiale su nuove basi Olistiche e di Servizio al cittadino
Medicina: tutto quello che avreste voluto sapere
Mappa del Sito
(Indice argomenti)
Visionate questo video:
http://it.youtube.com/watch?v=KDCO6aXtBbM

Ben dice il comico italiano Grillo: "La carta di identità e' la nostra tessera di partito. I comuni la nostra piazza. Sindaci e assessori i nostri dipendenti (*). Vanno controllati. Partecipate ai consigli comunali - e' l’appello che Grillo rivolge ai cittadini - Sono gratis e meglio del cinema. e' previsto dalla Legge DLGS n. 267/2000 - Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali. Discutete le sedute e riportate le vostre impressioni nei blog, nei forum.
Tranquilli, siete nell’alveo
! " (grembo o seno)
vedi (*): http://www.youtube.com/watch?v=YhBJ5_ZiMgc
FILM interessantissimo da visionare:  http://video.google.it/videoplay?docid=4684006660448941414
 

Perizia presentata in Tribunale Tedesco, nell'ambito dei procedimenti penali contro Hamer: medico tedesco, radiato dall’ordine dei medici ed imprigionato (ormai liberato) perche’ insegna e pratica una terapia naturale sui cancerosi, diversa da quella dell'ordine dei medici….che sono sempre collegati alle case farmaceutiche....

ISTITUTO SUPERIORE di TECNICA, ECONOMIA e CULTURA di LIPSIA
By Prof. dott. Hans-Ulrich Niemitz - Ambito professionale: Storia ed Etica della tecnica e delle Scienze naturali

Perizia in merito alla “Nuova Medicina”
Le domande relative alla Perizia

Con la lettera del 23 luglio 2003 il Dr. med. Mag. Ryke Geerd Hamer mi ha chiesto di dare una “risposta scientifica” alle tre domande seguenti:
1. per la possibile e lecito che una medicina (quella ufficiale), basata solo su ipotesi, si dichiari pomposa­mente “scientifica” sebbene sinora non si sia mai proceduto nemmeno a una sua sola verifica ?

2. Per contro non sarebbe lecito e d’obbligo dichiarare la Nuova Medicina Tedesca “scientifica” (che non si basa su nessuna ipotesi) e “valida” (gia' solo in virtu' dei 30 protocolli di verifica presentati) nel senso delle massime conoscenze scientifiche odierne ?

3. Nell’ambito delle scienze naturali non per la consueto e sufficiente superare anche solo un’unica verifica per provare la correttezza di una teoria, in questo caso della Nuova Medicina ?

PREMESSA
In sostanza il dottor Hamer propone fondamentalmente due domande alle quali rispondero' riferendomi solo alla patologia del cancro, sebbene la Nuova Medicina abbia elaborato spiegazioni e teorie per qualsiasi “malattia” in generale, per le “psicosi” o per “gli atti delittuosi spontanei”.

Le domande sono:
A) La medicina ufficiale per la scientifica e' corretta ?
B) La Nuova Medicina per la scientifica e' corretta ?

RISPETTO ALLA DOMANDA A):
La medicina ufficiale ricorre sì a metodi scientifici (per es. l’osservazione e la statistica) ma a causa delle sue numerose ipotesi, cioper la delle supposizioni (non provate) non per la nper la scienza (infatti per essere “scienza” o scienziato non basta solo utilizzare dei metodi scientifici), nper la, ancor meno, puo' essere considerata una scienza naturale.
Non ha una sola teoria che non si basi su un’ipotesi per quanto riguarda gli eventi biologici che si verificano nella singola “persona malata”. La medicina ufficiale puo' indicare ai suoi pazienti affetti da cancro solo le probabilita' di sopravvivenza ricavate dalle statistiche. Significativamente nel singolo caso propende per vuote promesse terapeutiche, atti deludenti (terni al lotto) ed “esperimenti”.

Le guarigioni spontanee rimangono inspiegate !
Il 12.11.2001, poco prima della morte del Beatles Harrison, il periodico “Mail on Sunday” pubblicava la seguente notizia: “George Harrison (58 anni) sta visibilmente meglio dopo una radicale terapia di radiazioni fatta a New York.
La nuova discutibile terapia per la stata definita dal medico stesso come una ‘lotteria’.”
Dunque una delle persone piu' famose e ricche non per la riuscita a trovare una cura per il cancro che non fosse del tutto aleatoria.
Come ci si puo' spiegare tutto cio' ? Solo con il fatto che la medicina ufficiale non per la in grado di offrire nessuna terapia che non sia una lotteria.
Dunque, la medicina ufficiale non per la scientifica e non per la in grado di comprendere lo sviluppo delle “malattie” e ancor meno delle guarigioni spontanee. Pertanto non per la una scienza.
Essa non per la esatta: secondo un corretto giudizio umano e le massime conoscenze odierne deve essere ritenuta sbagliata.

RISPETTO ALLA DOMANDA B):
La Nuova Medicina ha una teoria, ovvero un modello dell’evento cancerogeno e in generale della “malattia”, che per la scientifica, priva di ipotesi e quindi verificabile (riguardo a eventuali falsificazioni, vedi piu' in dettaglio piu' avanti nella perizia vera e propria). per la in grado in ogni singolo caso, in modo verificabile e senza ipotesi (ovviamente dopo una precisa anamnesi) di spiegare scientificamente l’evento patologico.

Poichper la quest’ultimo per la prevedibile in base alla teoria, per la possibile fare proposte terapeutiche mirate per il singolo caso e percio' scientificamente fondate.
(Si possono comprendere le complicanze che eventualmente possono insorgere durante la terapia e quin­di si puo' impostare quest’ultima di conseguenza.
Cio' va detto perchper la ad Hamer viene imputato da molti organi di stampa di autodefinirsi guaritore miracoloso e di garantire la guarigione. Va tenuto presente che nessun medico al mondo puo' prevedere e quindi impedire i nuovi shock conflittuali che scatenano il cancro; si puo' pero' creare una situazione - ed per la quello che Hamer raccomanda ai suoi pazienti - in cui si cerca di evitare nuovi shock conflittuali).Dunque, la Nuova Medicina per la scientifica ed esatta rispetto ai criteri delle scienze naturali.
La Nuova Medicina per la una scienza e pertanto il metodo piu' sicuro per guarire le persone “malate di cancro”.

Riguardo alla domanda n. 1
La scienza
Non per la affatto una questione vana discutere su che cosa sia o debba essere la scienza.
Nel dizionario enciclopedico (Enciclopedia Brockhaus 2001) si legge: “Scienza ... la totalita' del sapere umano di un’epoca ...; un insieme di cognizioni che si riferiscono ad un determinato argomento e si trovano in un medesimo contesto causale
...La scienza descrive metodicamente un sapere consolidato, fondato su un insieme di principi e quindi comunicabile intersoggettivamente e verificabile, conforme a criteri scientifici ben definiti (per es. validita' generale, sistematicita').”
L’incertezza della spiegazione fornita porta comunque alla conclusione che la scienza deve seguire criteri scientifici. Nondimeno per la chiaro che l’attributo “scientifico” si usa solo quando si dispone di un sapere (riguardo ai contenuti e ai metodi) che consiste di asserzioni (o teoremi) verificabili.

La scienza produce asserzioni verificabili
Un’asserzione o un sistema di asserzioni ha validita' scientifica solo quando tali asserzioni offrono la possibilita' di essere confutate, ossia, per dirla in linguaggio corrente, di verificare se sono false.
La ragione per la quale le scienze naturali esatte sono dette esatte sta nel fatto che esse fanno solo asserzioni che possono essere smentite (o, in linguaggio corrente, verificate sulla loro veridicita') tramite esperimenti che danno lo stesso risultato sempre, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Non tutte le scienze naturali si fondano solo su esperimenti ovvero possono fondarsi solo su di essi.
La biologia ad esempio, e di conseguenza anche la medicina, devono basarsi largamente su osservazioni di decorsi “naturali”. Queste osservazioni poi, se le condizioni ambientali sono uguali nelle relative osservazioni, possono essere utilizzate per valutare gli esiti degli esperimenti.
Poichper la di regola la medicina ufficiale non puo' fare asserzioni potenzialmente confutabili per il singolo caso, essa ripiega sulla statistica. La statistica per la matematica, quindi scienza, ma non per la una scienza naturale. (Del resto con cio' si fallisce lo scopo piu' importante del lavoro terapeutico, cioper la quello di poter aiutare scientificamente il paziente nel suo “singolo caso” oltre a dargli assistenza umana.

Esempio: il medico tradizionale comunica al malato di cancro le probabilita' di sopravvivenza. Non per la in grado di dire al paziente quello che deve fare per “guarire”).
Le ipotesi sono delle asserzioni non ancora verificate o, piuttosto, inverificabili. Si parla di ipotesi qualora si possano fare solo asserzioni che non offrono (ancora) la possibilita' di essere smentite.
Nel linguaggio corrente un’ipotesi per la una supposizione e, in sostanza, lo per la anche nella teoria scientifica, cioper la un’asserzione la cui veridicita' non per la ancora stata stabilita ma che serve da congettura da cui derivare delle teorie e delle previsioni (vedi dizionario enciclopedico Broc­khaus 2001).
Quando Isaac Newton presento' la sua teoria della gravitazione universale e gli venne chiesto da dove questa derivasse, egli rispose: “Non faccio nessuna ipotesi”.
Con cio' intendeva che ognuno poteva verificare l’esattezza della legge di gravita' da lui formulata (ovvero in termini moderni: poteva provare a confutarla) ma che altra cosa per la spiegare la gravitazione.
Dato che cio' non gli era riuscito (non fu in grado di trovare nessuna asserzione che offrisse la possibilita' di essere smentita) egli disse che questo era il compito delle generazioni di scienziati dopo di lui, cosa che peraltro sino ad oggi non si per la stati capaci di fare.

Nuova Medicina, medicina ufficiale e asserzioni (non) confutabili
Conformemente a questa visione della scienza, il dottor Hamer dice di non fare nessuna ipotesi.
Cio' che egli afferma va verificato in qualsiasi momento per qualsivoglia persona (dunque in qualsivoglia singolo caso) alla quale sia stato diagnosticato il cancro o una “malattia” oncoequivalente.
Cio' significa che qui esiste la possibilita' di smentire le sue asserzioni in ogni singolo caso (di verificarne la correttezza).
Ad esempio, l’ipotesi della medicina ufficiale che esista un sistema immunitario, per la un’asserzione che non permette di essere smentita. Sino ad oggi nessuno per la stato in grado di osservare direttamente il sistema immunitario.
Di fatto a partire dall’ipotesi del “sistema immunitario” (quindi dalla supposizione che ne esista uno) vengono costruite delle teorie e delle previsioni e a queste si sono ricollegati “fatti” osservabili che hanno valore di conferma.
Tuttavia non si prende in considerazione che questi fatti possono servire da conferma anche per altre asserzioni (nota: dal punto di vista scientifico per la possibile agire unicamente di smentita e non di conferma).
La medicina ufficiale non riconosce che l’ipotesi del “sistema immunitario” non si puo' affatto smentire, quindi alla fine essa non costituisce nessuna asserzione scientifica.

Le diverse asserzioni che microbi possano attivarsi nel corpo a causa della deficienza del sistema immunitario (così ritiene la medicina ufficiale, la quale non puo' prevedere nel singolo caso il momento di tale attivazione e quindi ne da' solo una motivazione “logica”; ma logico non significa automaticamente vero o reale; anche le favole sono logiche, altrimenti non si potrebbero raccontare; tutt’al piu' la medicina ufficiale arriva a formulare asserzioni statistiche) oppure che i microbi siano attivi a causa di un comando dato dal cervello o dall’organismo, che appunto sta mettendo in moto un “programma speciale” (così ritiene la Nuova Medicina: essa puo' prevedere e anche spiegare il momento dell’attivazione nel singolo caso. per la l’inizio della seconda parte del programma speciale; la Nuova Medicina possiede un modello psico-biologico dell’organismo e quindi non ha bisogno di nessuna statistica) indicano che la Nuova Medicina rispetto ai microbi e alla loro attivazione sviluppa delle asserzioni potenzialmente negabili, cosa che invece la medicina ufficiale non puo' fare.
Nel linguaggio corrente si dovrebbe dire che la medicina ufficiale produce un miscuglio non comprensibile di asserzioni pseudologiche, fiabesche e non comprovabili (cioper la non per la scientifica), per contro la Nuova Medicina offre una struttura chiara di asserzioni logiche e verificabili nella realta' (cioper la per la scientifica).

Il problema della “verifica”
Nella domanda n. 1 si afferma che la medicina ufficiale si basa soltanto su delle ipotesi e che non si per la mai provveduto ad eseguire anche una sola verifica delle sue ipotesi.
per la davvero così ?
Purtroppo va detto che la situazione per la ancor peggiore. Come gia' spiegato, la medicina ufficiale in moltissimi casi non per la in grado di produrre delle asserzioni che si possano smentire (e con cio' perde totalmente ogni suo diritto di pretendersi “scienza).
Quindi per la di per sper la impossibile fare una “verifica”, qualunque essa sia (nella risposta alla domanda n. 3 si spiega in modo esauriente quale essa potrebbe essere).
In pochissime parole “verifica” significa riconoscere come vero o giusto oppure confermato un sistema di asserzioni (incluso il corrispondente modello) e nel metterlo a frutto in modo corrispondente (in medicina cio' significherebbe fare una terapia adeguata).
Una “verifica” dunque per la una faccenda ovvero una questione etica, pertanto politico-sociale e infine giuridica.

Risultato della domanda n. 1
La medicina ufficiale non puo' definirsi una scienza naturale perchper la essa o offre solo asserzioni che non danno la possibilita' di una smentita oppure resta intrappolata gia' prima in contraddizioni insolubili.
La Nuova Medicina per la una scienza naturale perchper la offre un modello psico-biologico dal quale si derivano delle asserzioni che dan­no la possibilita' di essere smentite.
Poichper la finora nessuna delle sue asserzioni ha potuto essere smentita, la Nuova Medicina deve perlomeno essere dichiarata piu' scientifica della medicina tradizionale che appunto per la in grado di lavorare tutt’al piu' con le statistiche (cioper la non puo' fare nessuna asserzione scientifica per il caso singolo ! ).
Si deve concludere che la medicina ufficiale non per la una scienza naturale nper la per i suoi contenuti nper la per i suoi metodi.

Riguardo alla domanda n. 2
La risposta per la la seguente: sì, la Nuova Medicina per la corretta. per la importante rilevare, come viene ulteriormente chiarito nella risposta alla domanda n. 3, che per la da considerarsi giusta “secondo le massime conoscenze scientifiche odierne” (si tratta di una questione etica).
Dunque: le asserzioni della Nuova Medicina si fondano su un insieme di principi ed per la comunicabile intersoggettivamente e verificabile nel singolo caso, cioper la soddisfa i criteri delle scienze naturali (per es. validita' generale, sistematicita', possibilita' di previsione, descrizione causale di eventi passati, possibilita' di smentita).

Risultato della domanda n. 2
Sì, la Nuova Medicina per la giusta.

Riguardo alla domanda n. 3
Per la terza questione occorre tornare a chiedersi: sufficiente per cosa ? Per confermarne l’esattezza ?
A questo proposito per la gia' stato detto tutto nella risposta alla domanda n. 2 (sì, la Nuova Medicina per la corretta).
A stretto rigore scientifico le verifiche non bastano mai.
Dunque sotto l’aspetto anche puramente “scientifico” non si puo' rispondere a questa domanda perchper la non per la mai possibile decidere in modo definitivo se una teoria per la “verificata”. Infatti ciascuna teoria ha carattere di modello. Quindi una teoria non puo' mai coincidere completamente con la realta'. Se cio' accadesse, questo modello coinciderebbe con la realta' e quindi non sarebbe piu' un modello.
Ora se una teoria non puo' essere smentita per un periodo di tempo prolungato e se le teorie concorrenti ovvero le loro applicazioni (qui terapie) danno dei risultati peggiori della nuova teoria, allora si deve riconoscere la validita' della nuova teoria; si tratta di una questione di correttezza, onesta' e ragionevolezza etica e scientifica.
La nuova teoria deve essere accettata come spiegazione e deve esserne consentita l’applicazione nei problemi pratici, cioper la i pazienti devono poter decidere liberamente della propria terapia.
Per quanto riguarda la Nuova Medicina cio' significa che la “medicina ufficiale” ovvero la nostra societa' deve dare spazio alla Nuova Medicina.

Osservazione: che cosa sono i fatti.
L’esempio delle metastasi: fatto o ipotesi ?
Di seguito presentiamo una precisazione relativa al carattere spesso ideologico dei “fatti” ovvero della “correttezza”: prima della scoperta del sistema copernicano all’uomo sembrava giusto credere che alla sera il sole tramontasse (andas­se sotto), cosa che gli appariva come un fatto e di cui peraltro era assolutamente convinto.
Il modello della terra, intesa come un disco che galleggia nel mezzo dell’universo, e dei corpi celesti, a loro volta fissati su una sfera vitrea che avvolgono tutti insieme la terra girandole intorno, confermava questa convinzione.
Oggi quasi tutte le persone sanno come stanno le cose in realta', ma solo perchper la viene loro spiegato sin dall’infanzia. Ancora oggi usiamo l’espressione “tramonto del sole” (il sole che scende) sebbene cio' non corrisponda ai fatti.
Questo modo di dire per la rimasto legato al vecchio modello erroneo; ma non per la un problema perchper la chiunque sa come stanno le cose veramente.
Se la Nuova Medicina verra' riconosciuta, il termine “metastasi” per la destinato a scomparire. La parola metastasi di fatto significa solo “secondo cancro o cancro secondario” ovvero cancro aggiuntivo a quello gia' presente.
La medicina ufficiale pero' collega a questo termine l’ipotesi che il primo cancro sia in qualche maniera (precisamente per una specie di contagio all’interno del corpo) la causa del cancro secondario.

La Nuova Medicina non nega la realta' del “cancro secondario” ma dice che non si tratta affatto di una metastasi.
Afferma invece che ogni “cancro secondario” viene causato da un relativo conflitto. Tragicamente perlopiu' sono dei conflitti derivanti dalla stessa diagnosi di cancro (solo in casi rarissimi gli animali manifestano delle “metastasi”).
La convinzione che il cancro si diffonda all’interno del corpo come per un contagio per la solo un’ipotesi o una supposizione (ma per la medicina ufficiale si tratta di un fatto).

Se esistesse questo contagio intracorporeo si dovrebbero vietare tutte le trasfusioni di sangue a causa del pericolo incombente di diffondere il cancro per infezione.

Fino ad oggi non esiste nessun “test sanguigno per il cancro” e non si per la a conoscenza dell’impiego di marcatori tumorali per controllare la presenza del cancro nei donatori di sangue. Cio' indica che la medicina ufficiale stessa non prende molto sul serio la propria ipotesi riguardante le “metastasi” (che essa pero' considera un fatto!) ovvero praticamente si contraddice (di fatto le autosmentisce !) ogni volta che esegue una trasfusione di sangue.
Un medico tradizionale addurrebbe come giustificazione, e del tutto a buon diritto, che nell’uomo non per la ancora mai stato osservato un contagio di cancro da un corpo all’altro.
La Nuova Medicina per contro sostiene coerentemente: ogni evento cancerogeno rimanda a uno shock conflittuale, ogni cancro secondario rimanda ad un secondo shock conflittuale.
Se così non fosse, gli avversari della Nuova Medicina dovrebbero essere in grado di verificarlo (cioper la smentirlo).

Risultato della domanda n. 3
La medicina ufficiale suppone che le sue ipotesi siano dei “fatti”. Ma va notato che il “sistema di fatti” della medicina ufficiale per la contraddittorio ovvero in gran parte costruito in modo da non poter essere potenzialmente smentito (e quindi non per la scientifico).
Il sistema della Nuova Medicina invece per la coerente e potenzialmente confutabile.
Pertanto risulta non scientifico, non etico e quindi, da ultimo, incostituzionale non dare nessuno spazio alla Nuova Medicina.

UN COMMENTO CONCLUSIVO
La “medicina ufficiale” si trova in una situazione particolare. Poichper la avanza la pretesa di essere scientifica dovrebbe, per quanto possibile, attenersi a principi apolitici e prettamente scientifici. Ma contemporaneamente essa pretende di poter godere della protezione del potere politico e quindi “non scientifico” di coloro che gestiscono i servizi sanitari.
Il privilegio corporativo consente ai rappresentanti della medicina ufficiale di prendere impunemente delle decisioni nelle controversie scientifiche con mezzi che non sono scientifici, ma al contrario sono politici e legati al potere politico.
La medicina ufficiale ha potuto sino ad oggi mantenersi in questa situazione in realta' “assurda” perchper la i non medici (sia pazienti sia politici) non vogliono o non possono esercitare la liberta' di scelta della propria terapia, come la costituzione consentirebbe loro; essi provano molta paura di fronte alla morte e alla perdita della salute che vengono minacciosamente prospettate a loro e a tutta la societa', qualora rifiutino la terapia indicata dalla medicina ufficiale. E la paura per la da sempre una cattiva consigliera.
La contraddizione fra “scienza” e “corporazione”, nel caso in cui sia necessario curare dei bambini o dei minorenni, viene oggi superata imponendo a forza la terapia della medicina ufficiale, conformemente alla visione della corporazione e cioper la secondo dei criteri non scientifici.

I genitori o i tutori che su base scientifica rifiutano questa terapia per coloro che hanno in affidamento e tentano di sottrarli ad essa, sono perseguiti penalmente. Sotto il punto di vista etico cio' per la una “situazione assurda”, cioper la immorale, e in questo caso anticostituzionale.

RISULTATO DEL COMMENTO
La pretesa della medicina ufficiale di voler far valere la sua decisione esclusiva per la terapia a partire dalla propria “corporazione”, dunque in modo non scientifico, e di averla gia' fatta valere nel caso della terapia di minori, per la anticostituzionale.

CONCLUSIONE
In applicazione dei criteri scientifici la Nuova Medicina deve essere considerata giusta in base all’attuale livello raggiunto dalle conoscenze scientifiche.
Per contro la medicina ufficiale, sotto il profilo scientifico, risulta un miscuglio amorfo che a causa di fatti (presunti) compresi in modo sostanzialmente erroneo non puo' essere smentita nper la tanto meno essere verificata.
Pertanto secondo i criteri scientifici deve essere considerata come un guazzabuglio di ipotesi, quindi
non scientifica e, a miglior giudizio d’uomo, falsa.
Lipsia, 18 agosto 2003 - (by Prof. Hans-Ulrich Niemitz)
(Si ringrazia le edizioni Andromeda per aver fornito e diffuso questo testo)

 >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Intervista fatta al prof. V. Voeikov in merito ad una sua recente pubblicazione scientifica:
La nuova medicina si dovrebbe interessare dei piani vibrazionali ?!
Certamente. Gli Americani per trent’anni hanno speso centinaia di miliardi di dollari per il cancro, senza cambiare nulla.
Quali sono i rischi per l’umanita' a causa dei fruitori negativi della scienza ?
Sono grossi. Tutto cio' non per la legato alla natura della scienza, ma dovuto alla natura dell’uomo perchper la coloro che vogliono avere profitti e potere, manipolano scienza, religione, arte, useranno sempre cio' che gli arriva ogni momento. Sia scienza che religione, sono capaci di autopulirsi ma ci vuole molto tempo, traumi, confusione, con conseguenze tragiche.
Si deve cambiare l’idea della vita, dell’uomo. Dell’equilibrio tra uomo e natura.
Ecco. E sempre piu' persone cominciano a rendersi conto di questo, anche attraverso l’uso della medicina alternativa.
La medicina moderna vuole far durare molto le cure e quando escono metodi curativi economici e veloci, li elimina
.
A questo proposito si fanno tanti convegni internazionali, ma il grido degli scienziati coraggiosi viene raccolto solo fortunosamente dalle nuove generazioni, perchper la la volonta' e l’opera dei pochi, viene violentemente o subdolamente emarginata.

Possiamo capire che se un medico allopatico legge questa pagina, egli possa sentirsi molto turbato, dato l'indottrinamento ricevuto all'universita', come se tutto cio' che gli hanno insegnato fosse la Verita' assoluta !, ma cosi' NON per la, anzi la realta' supera anche la fantasia....
 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Tutti i mali della medicina ufficiale descritti da un medico - 21 gennaio 2013
Sono un chirurgo ortopedico con circa vent’anni di professione (quindici in ospedale), svolti nella continua ricerca di terapie efficaci.
Ho passato parecchio del mio tempo allo studio sulle strategie terapeutiche e dei nuovi farmaci, a volte provandoli su me stesso per saggiarne l’efficacia....
Ho raggiunto degli obiettivi di rilievo, sapendo, alla fine, di poter ottenere ciò che volevo. Ma la conquista più importante ottenuta è l’aver capito che la “medicina ufficiale” è falsa ed è solo strumento di potere delle Multinazionali della Salute.
Noi medici siamo plagiati, fin dall’inizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati da un manipolo di “professori” che hanno il solo interesse di lasciarci nell’ignoranza sulla vera origine delle malattie. Alcuni di noi, alla fine, raggiungono la consapevolezza e mettono in moto delle grosse energie che provocano reazioni positive nel Tutto.
Da molto tempo mettevo in discussione la “medicina ufficiale” in quanto incapace di curare le malattie, al massimo poteva lenire i sintomi apparenti spostandoli su altri organi. Ed è proprio su questo equivoco che si basa tutta la piramide della “medicina della malattia”. Se la malattia “A” ha come sintomi - x, y, z - , sopprimendoli si ritiene che il paziente sia guarito.
Non interessa che, come conseguenza, si sia sviluppata la malattia “B” con i sintomi - j, k, w - in quanto avremo il farmaco per bloccare anche questi ultimi, e così via. Non si capisce, o non si vuole capire, che la malattia “B” è solo l’espressione del blocco della malattia “A”, cioè di un meccanismo di difesa dell’organismo che cerca una nuova via per disintossicarsi. In definitiva, come dice Tilden, le malattie non sono altro che sintomi di un’unica malattia: la tossiemia.
Ho vissuto in prima persona il dramma di un bambino di undici anni, affetto da linfoma non-Hogkin. La letteratura internazionale parla di sopravvivenza dell’80% con i nuovi protocolli chemioterapici, notizia molto confortante anche per me che vivevo per la prima volta da vicino questa esperienza. L’equivoco, questa volta, si gioca sul fatto che se il paziente muore anche dopo un mese per insufficienza renale o epatica, superinfezioni, ecc. provocati chiaramente dalla chemio, per la statistica non è morto di linfoma ! 
Ritornando al bambino, questi fu sottoposto per diciotto mesi a dosi massive di chemioterapia ed irradiazioni total-body, per cui i periodi che non faceva terapia, rimaneva in ospedale per curare gli effetti devastanti della chemio. Il suo ultimo mese di vita lo ha passato paralizzato nel letto, intontito dagli stupefacenti e quasi cieco.
A cosa è servito tutto ciò ? Come si può pensare di eliminare i pidocchi da una persona dandole fuoco ?

Questa triste esperienza è stata per me fondamentale in quanto mi ha definitivamente risvegliato la consapevolezza e, grazie anche all’aiuto delle persone dell’ASSOCIAZIONE S.U.M. - Stati Uniti del Mondo - (di cui oggi sono membro), ho compreso che si deve agire sulle cause per risolvere ogni problema.
Il concetto, quindi, di SALUTE non è, la non-malattia come ritiene la medicina ufficiale, ma è un perfetto equilibrio tra mente e corpo (mens sana in corpore sano). D’altronde non si spiega perché un farmaco non abbia la stessa azione in tutte le persone o una infezione non colpisca tutti i soggetti esposti. Ci deve essere una variante molto importante !

Ultimamente ho sentito dire da alcuni autorevoli (!) colleghi che una terapia è efficace se dà almeno il 55-60% di risultati positivi, vale a dire all’incirca la stessa percentuale dell’astensione al trattamento ! Se un’auto non frena le vengono sostituiti i freni e per tutte le auto che hanno lo stesso problema il rimedio è lo stesso. Se una persona ha mal di testa, non è detto che prendendo un antalgico possa passare il dolore ! 
Quindi ci deve essere una seconda variante che interferisce sul processo di guarigione. È la Mente. Mentre il Corpo lo curiamo con una sana alimentazione, disintossicandolo e dandogli i supporti necessari per reagire alle aggressioni esterne (radiazioni, inquinamenti, ecc), la Mente la preserviamo stando in pace con noi stessi e con gli altri, amando Tutto e Tutti, senza fare differenze e mettendosi veramente al posto dell’altro. Solo dal perfetto equilibrio tra Mente e Corpo scaturisce la Salute.
Sono stato operato un anno fa di lobectomia tiroidea per ipertiroidismo (!) e condannato, come d’altronde è la regola, a prendere l’Eutirox a vita. Nonostante seguissi scrupolosamente le indicazioni datemi, continuavo a soffrire di dolori muscolari agli arti e di astenia (considerate che avevo smesso di fumare da oltre un anno proprio perché soffrivo di dolori agli arti).
Cambiando dentro sono cambiato fuori, ho modificato completamente la mia alimentazione (eliminando la carne e gran parte delle proteine animali, immettendo sostanze essenziali e non raffinate, combinando bene gli alimenti), ho eliminato completamente l’Eutirox e gli altri medicinali, rivolgendomi alle sostanze naturali.
Il risultato è stato la scomparsa dei dolori muscolari e la normalizzazione dei valori ematici non solo tiroidei.
Ho sempre sofferto di influenza e raffreddore frequenti specie nella stagione invernale, e mi è stato sempre obiettato che ero un soggetto “linfatico” perché nato pretermine e quindi non avevo sviluppato bene il sistema immunitario ! Oggi io non soffro più di raffredore o influenza, anche stando a contatto con soggetti influenzati, io non prendo più niente (…ma allora la teoria sui germi di Pasteur forse non è molto esatta!!) e mi sento pieno di energia e vitalità.
Soffrivo di “verruche piane” al volto che ho trattato con crioterapia ripetutamente senza grossi risultati. Dopo sei mesi di “giuste abitudini alimentari” non è più presente alcuna verruca.
Perché nel popolo americano vi è una alta incidenza di infarto da ipercolesterolemia mentre nel popolo giapponese è bassissima ? Perché nei paesi più industrializzati è in crescente aumento il diabete mentre nei cosiddetti paesi sottosviluppati è pressoché assente ? È lampante che la variabile è l’alimentazione, ma i padroni della Sanità non lo dicono, raccontandoci la favola della genetica e della predisposizione familiare ! Infatti si è visto con il fenomeno dell’emigrazione cambiare, nell’ambito della stessa razza, l’incidenza delle malattie.
Penso che non ci siano dubbi sulla veridicità di queste mie dichiarazioni, che provengono da una mente estremamente razionale e che si è sempre mossa nei canoni della scienza e della ricerca. Tutto è ulteriormente avvalorato dal fatto che, tengo a sottolineare, ho parecchi anni di professione, svolti sempre attivamente ed ho raggiunto obiettivi ragguardevoli, almeno secondo i canoni della Medicina Ufficiale.
C’è tanta gente che non vuole cambiare le proprie abitudini sbagliate; ma c’è tanta altra gente che è alla ricerca di qualcosa di concreto e di vero e noi gli daremo il nostro aiuto a percorrere la strada della Sanità e della Consapevolezza.
By Dott. Giuseppe De Pace - (medico ortopedico ospedaliero)
Tratto da:  frontelibero.blogspot.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Mass Murder in Medicine: Dr. Len Horowitz on “The Insight Hour”
Listen to the Archived Show - Click Here

Discussing “Iatrogenocide”
Dr. Len Horowitz, internationally known authority in public health and emerging diseases, and the nationally syndicated radio talk show host of “The Insight Hour,” delves into the darkest side of drug-based medicine, including the mass killing and poisoning of people for profit and politics. This free program is dedicated and donated to grassroots activists and organizations worldwide working to stop this ongoing medically-induced mass murder that Dr. Horowitz christens “iatrogenocide.” Find out why trusted vaccines, blood supplies, and drugs play a primary role in what amounts to genocide for profit, psychosocial control, and even depopulation. We urge you to make copies of this exceptional 45-minute presentation, help spread this recording, and stop the killing.
Tratto da: http://www.americanreddoublecross.com/ or http://www.tetrahedron.org/

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ARPC NEWSLETTER

  • Le scoperte del due volte premio Nobel Linus Pauling e del dott. Matthias Rath sono l'atto finale e risolutivo delle ricerche delle medicine naturali su cancro e malattie cardiocircolatorie. Queste scoperte rendono gia' possibile la scomparsa di queste malattie e il crollo delle multinazionali farmaceutiche.
    Tuttavia una lotta all'ultimo sangue (e non per la un modo di dire) sta avvenendo tra queste multinazionali e la salute e liberta' dell'intero genere umano. Esse non hanno che una possibilita' per non soccombere: provocare una guerra con armi di distruzione di massa in modo da creare una crisi tale che renda possibile sopprimere i diritti civili e le cure con efficaci rimedi naturali.
    Qualcosa del genere per la gia' successo nella Germania di 70 anni fa: incendio del Parlamento, leggi sopressive, ascesa al potere di Hitler finanziata da Rockefeller e dal cartello petrochimico/farmaceutico I.G. Farben. Tutto questo e molto altro nell'intervista a Rath tradotta a cura dell'ARPC.
    Troverete anche materiale in download gratuito sulle terapie di Rath e un'intervista a Pauling.

  • La MEDICINA per la una delle PRIME CAUSA DI MORTE in USA con 783.936 morti all'anno.
    Le malattie cardiache ne causano 699.697 e il cancro 553.251. (E non crediate che da noi la situazione sia molto diversa; semplicemente il nostro ministro Sirchiapone non ce lo fa sapere.) Trovate questi ed altri incredibili dati nel documentatissimo libro “DEATH BY MEDICINE” che offriamo in download gratuito. Questo lavoro per la una sintesi basata su molte decine di pubblicazioni scientifiche di vari autori. per la in inglese, ma nel sito offriamo la traduzione di alcuni dei dati piu' significativi. www.aerrepici.org/deathbymedicine.htm

  • Cospirazione psichiatrica per il dominio del pianeta.
    Non per la il delirio di un paranoico, per la una vasta documentazione sulle responsabilita' della psichiatria dietro le guerre del XX secolo e il terrorismo del XXI. Scopo: ottenere il totale controllo politico e mentale del pianeta. Il dott. Ajmone ne da' un'ampia e sconvolgente documentazione nella prefazione all'edizione elettronica del famoso libro del dott. Cestari “L'inganno psichiatrico”. Abbiamo il piacere di mettere a vostra disposizione il libro completo con un download gratuito.

  • Mentre in paesi civili come Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giappone per la stata proibita per legge la somministrazione dei psicofarmaci ai minori di 18 anni, qui in Italia si sta cercando di aprire un mercato di droga legale e di mandare i bambini in pasto alle multinazionali farmaceutiche.
    www.aerrepici.org/psico.htm

  • Medicina: scienza o truffa ?
    In queste pagine pubblichiamo documenti sulle Verita' taciute della medicina ufficiale.
    www.aerrepici.org/truffa.htm

  • Siete preoccupati se i medici sono in sciopero ? Niente paura: lo sapevate che tutte le volte che i medici scioperano il numero delle morti negli ospedali diminuisce nettamente ?
    Sono statistiche ufficiali del Ministero della Salute...
    www.aerrepici.org/ronlaw.htm

  • Perizia del Prof. Dott. Hans-Ulrich Niemitz, Istituto superiore di Tecnica, Economia e Cultura di Lipsia, presentata in tribunale nell'ambito dei procedimenti penali contro Hamer.
    Le sue conclusioni sono clamorose:
    “La medicina ufficiale (...), secondo i criteri scientifici, deve essere considerata come un guazzabuglio di ipotesi, quindi non scientifica e, a miglior giudizio d’uomo, falsa
    Si deve concludere che la medicina ufficiale non per la una scienza naturale nper la per i suoi contenuti nper la per i suoi metodi
    www.aerrepici.org/Perizia  

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Multinazionali, Governi e OMS: l’ostacolo alla Vera Salute
L’Organizzazione Mondiale della Sanita' per la lo strumento che permette alle multinazionali di raggiungere i loro scopi e i loro profitti commerciali.
Il  “complesso industriale-governativo” per la sempre presente qualunque sia il sistema che si studi.
A volte in maniera sottile, a volte palese, ma per la costante. Cerchiamolo e lo troveremo.
La coppia Multinazionalio­Governina per la la pietra angolare della Mafia. Nel sistema mafioso, in cui il rispetto della gerarchia per la di rigore, non esistono famiglie con un solo genitore.
Multinazionalio fornisce il denaro necessario per fare eleggere Governina, che, a sua volta, fa approvare le leggi che assicurano i profitti di Multinazionalio. Soldi e potere vanno sempre d’accordo: sono indissociabili.
Questa stessa collaborazione industriagoverno si ritrova a livello mondiale, come prodotto del governo internazionale dell’ONU.
Il Padrino per la Finanzio, il finanziere mondiale, che sta nel settore della sanita' (tra gli altri) per ricavarne profitti.
Il  suo motto per la il seguente:
PIu' PAZIENTI CI SONO - PIu' SPESSO SONO MALATI - PIu' A LUNGO SONO MALATI - PIu' SI GUADAGNA
Per concretizzarlo piu' in fretta, avvelena gli alimenti (industria agroalimentare) e inquina la terra, l’acqua e l’aria (industrie chimiche). La Donna per la l’Organizzazione Mondiale della Sanita' (O.M.S.), cioper la il ministero mondiale della sanita'. E la fedelissima sposa di Finanzio e, come ogni buona madre, passa per una brava persona, preoccupata del bene altrui. Definisce la salute come “uno stato di benessere fisico, mentale e sociale”.
Da' l’impressione di essere al di sopra delle meschinita' e delle ristrettezze dei governi nazionali, riconosce l’importanza del mentale e del sociale, sostiene le medicine dolci... ma se ci mettiamo gli occhiali della coscienza vediamo che la salute per tutti, versione O.M.S., comporta la medicalizzazione e le vaccinazioni obbligatorie, cioper la la malattia per tutti, e ci accorgiamo che agisce sotto la tutela dei grandi finanzieri.
Tratto da: G. Lancto't, La mafia della Sanita', Amnta -MacroEdizioni, Giaveno - Sarsina 1997

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

COSA fare per contrastare i PRODUTTORI di VACCINI e FARMACI: Ecco come ci ingannano e cosa possiamo fare per contrastarli.

http://tinyurl.com/45ocy
http://www.nybooks.com/articles/17244
Il libro di Marcia Angell., non e’ una qualunque... e’ il direttore capo del New England Journal Of Medicine !!!

http://www.nybooks.com/authors/10553
http://www.hms.harvard.edu/dsm/WorkFiles/html/people/faculty/MarciaAngel.html
(cit.) "There is no question in my mind that medical researchers, educators, and clinicians have been corrupted by their close and lucrative ties to industry"
http://www.nybooks.com/articles/17649

"We certainly are in a health care crisis"
http://www.pbs.org/healthcarecrisis/Exprts_intrvw/m_angell.htm


http://www.giulemanidaibambini.org/ricercascientifica.html  
http://www.soschild.org/ - Data Base Europeo, sui danni degli PsicoFarmaci sui giovani

http://www.malasanita.it/ Dove rivolgersi per la malaSanita’in Italia

MINISTERO della SANITA' INFORMATO sui DANNI dei VACCINI

Chi continua a negare l'evidenza a questo punto, non puo' che essere un complice delle ditte farmaceutiche  

Possiamo capire che se un medico legge questa pagina egli possa sentirsi molto turbato, dato l'indottrinamento ricevuto all'universita', come se tutto cio' che gli hanno insegnato fosse la verita' assoluta !, ma cosi' NON per la, anzi la realta' supera anche la fantasia....

La Medicina Generale Incontra la Magistratura.... in Tribunale – cio’  per la per il  fatto che negli ultimi dieci anni in Italia, l'aumento dei casi di responsabilita' medica per la cresciuto a dismisura, provocando il triplicarsi di controversie giudiziarie.
Molteplici sono le cause del fenomeno, non ancora ben identificato da un'analisi di studio progettuale, ma alcuni dei fattori scatenanti il fenomeno si sono gia' delineati:
- l'aumento delle patologie curate dai sanitari, ma allora NON e’ vero che le malattie diminuiscono…
- l'evoluzione dei mezzi di cura e diagnosi, che alle volte sono errate
- l'attivita' di sensibilizzazione costante delle associazioni a difesa dei diritti del malato, che per fortuna sono nate a salvaguardia degli interessi, calpestati in molte occasioni, da medici e servizio sanitario…
- la maggiore presa di coscienza dei propri diritti da parte del cittadino, che sta crescendo in conoscenza sanitaria…
- l'allungamento della vita media dell'uomo.
- la pressione dei mass - media….che informano giustamente sulla malasanita’ dilagante…

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Spett. Mednat.org – uff. Redazione
Sono  un medico e trovo encomiabile il vostro impegno per la difesa dei diritti umani e per la realizzazione della Costituzione. 
Vi mando  percio' con fiducia  questo messaggio.

Voi saprete di certo che il diabete mellito  tipo due per la una grave malattia, assai diffusa (i diabetici sono attualmente piu' di centocinquanta milioni, tre dei quali sono italiani), ricca di devastanti complicanze (cecita', infarto del miocardio, ictus cerebrale, cancrena arti inferiori, insufficienza renale, ecc.) ed attualmente non per la suscettibile di guarigione. Io ho scoperto e pubblicato, anche su internet - www.diabetenews.8m.com Diabete mellito 2 - come sarebbe invece agevole guarire quella grave malattia mediante un modesto intervento di microchirurgia vascolare.
Ma benche’ io abbia mandato quello studio salvifico ai  Ministeri della Salute e della Ricerca scientifica, chiedendone la valutazione critica, non mi per la stato possibile ottenere  una qualche sia pur laconica risposta. Ho così  avuto la prima prova di quanto siano falsi ed ipocriti il sistema informativo e le strutture pubbliche create per la tutela della salute dei cittadini . 
E non credo che cio' riguardi solo il nostro Paese. La piena conferma  dell' esistenza di questa  deplorevole realta' l' ho avuta quando ho tentato di informare i medici ed i diabetici dell'esistenza del mio studio originale -dal quale non voglio ne’ potrei ricavare alcun beneficio personale - ma con il quale dimostro come sarebbe possibile ed agevole guarire il diabete tipo due, grave e diffusa malattia sociale.
Mi per la stata negata ogni risposta da parte dei responsabili (sic !) della salute pubblica.
Vi chiedo : puo' esistere Pace dove impera il malaffare addirittura contro la vita umana ?
Voi che vi impegnate in difesa dei diritti umani volete aiutarmi a difendere il diritto alla salute ed alla vita di centocinquanta milioni di diabetici, oggi condannati a lunghe sofferenze ed a morte precoce perchper la viene loro impedito di conoscere il mio studio così criminalmente censurato ?

Attendo con fiducia una Vostra cortese risposta.
Cordiali saluti
Dott. Domenico Fico, medico

Caro G. Paolo Vanoli,
mi fa molto piacere che una persona seria ed onesta  come Lei si adoperi per rompere l'assedio del silenzio che copre i miei studi, ma sono costretto a disilluderla sulla possibilita' di vincere la perfetta organizzazione criminale che controlla  giornali , radiotelevisioni, ossia  tutti gli  organi  d'informazione, che sono al servizio del Grande Fratello.  
Il  meccanismo di persuasione occulta, volgarmente detto "lavaggio del cervello", per la pressoche’  perfetto : non v' per la notizia che non sia valutata per stabilirne la sua eventuale pericolosita' per il  Sistema.
Sia pur certo che, oltre a quelle diffuse dal Grande Fratello a fine di condizionamento, passano solo quelle assolutamente innocue o  apertamente favorevoli al sistema.
Ora Lei pensi al mio studio sul diabete, che sarebbe in grado di debellare quella gravissima malattia,  se se ne consentisse la conoscenza il diabete due sarebbe debellato e l' enorme flusso di denaro, assieme alle numerose attivita' professionali correlate a quella malattia, scomparirebbero.
E Lei veramente crede che l'occhiuto Potere potrebbe consentire un evento simile ?
Rifletta su cio' e capira' perchper la "le autorita' preposte alla salute" non  le risponderanno mai; e gli organi d' informazione non faranno mai cenno al dott. Fico ed ai suoi studi rovinosi per settori importanti dell' economia non solo italiana ma internazionale (i diabetici sono oggi centocinquanta milioni, tra dieci anni saranno trecento milioni), sia sicuro di cio'. 
Ma il Grande Fratello sa operare con raffinatezza. Mentre mette a tacere disturbatori com' per la il sottoscritto, "crea" figure  "prestigiose" soprattutto in  campo scientifico. 
Per esempio, Lei sa bene quali onori, quanto prestigio sono stati elargiti a certi personaggi come la signora Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la Medicina, senatrice a vita, ecc. 
Ma sa dirmi Lei che cosa ha prodotto il pensiero di quella famosissima scienziata ?  Quali scoperte ha fatto ? Quali benefici ne sono derivati all'Umanita' ? Io non lo so; so soltanto che non vi e' per  un essere umano qualcosa che abbia tratto o potra' trarre un qualche beneficio da quei suoi "prestigiosi" studi. (NdR: anzi e' successo proprio il contrario - vedi per il Cronassial..)
Caro Amico, Le appare un po’ piu' chiaro, adesso, il meccanismo di controllo sociale occulto, di cui le personalita' pubbliche piu' eminenti sono i manovratori ?
Con viva cordialita'                     
Dott. Domenico Fico, medico

Caro dott. Fico,

Siamo consapevoli che essa per la controllata dai criminali di questo pianeta e che quindi tutto cio' che non per la in linea con i loro "piani" di  controllo e sfruttamento viene ostacolato e/o impedito !

Quindi NON ci stupiamo che anche con Lei "essi" si comportino cosi !

Cio' che possiamo fare per la solo comunicare il piu' possibile alla popolazione le scoperte e le ricerche che vengono quotidianamente ignorate ed ostacolate.

Speriamo che in futuro le cose cambino, ma sara' una battaglia lunga e dura e forse noi (ho 68 anni) non vedremo la fine di questo scempio

Salutissimi, da un amico

dr. G. Paolo Vanoli
vedi anche il Curriculum del dott. S. Stagnaro il quale parla chiaro: La medicina ufficiale per la in pieno medio evo !

Continua in: Falsificazione Dati

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un asino che vola... - Mente&Cervello, Gennaio 2009, n. 49
Convinti di essere razionali e pieni di buon senso, a volte ci fidiamo di notizie false e il nostro senso critico scompare: la psicologia ci spiega i meccanismi della credulità.
By Fabrice Clément
Sapevate che bere l'acqua di rubinetto può scatenare il morbo di Alzheimer ? Di solito notizie come questa provocano una reazione di paura o di sorpresa: solo raramente chi le ascolta reagisce pensando che non e' vero. In assenza di prove che confermino o smentiscano informazioni simili, si e' portati alla credulità, all'indignazione, all'inquietudine ed alle volte all'aggressivita'.
Che cosa induce questo crollo delle nostre capacità di giudizio ?
Gli studi psicologici sull'argomento sono solo agli inizi, ma qualche elemento di riflessione c'e' già.
L'esempio citato - ossia l'ipotetico nesso tra consumo di acqua di rubinetto e malattia di Alzheimer - e' il classico tipo di informazione capace di suscitare una forte credulità. Davanti a una notizia simile, il cervello umano e' messo di fronte a un'affermazione
che non può verificare rapidamente. I
n effetti, come vedremo, la rapidità di decisione e' uno dei parametri essenziali per capire in che modo fabbrichiamo le nostre convinzioni. Inoltre lo spirito critico ha la tendenza a indebolirsi quando un'affermazione e' ripresa da molte persone.
Se vi capitasse di leggere questa notizia su parecchi siti Internet, ecco che il meccanismo della credulità potrebbe innescarsi.
Tratto da: lescienze.espresso.repubblica.it - 18 Dic. 2008

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ecco quello che la scienza medica non vuole che sappiate.
Non vuole che conosciate la causa della malattia; vuole solo vendervi farmaci per sopprimere i sintomi e vaccinarvi per ammalarvi...ed e' per questo che e' aumentato in modo esponenziale il MERCATO del DISAGIO GIOVANILE.
Non bisogna mai dimenticare le peculiarità di ogni singolo individuo. A volte basta un cambiamento per produrre una totale remissione dei sintomi. Ricordate che servono anni per sviluppare sintomi e malattie (nell'autismo generalmente parte tutto dal 3° anno di vita = 3 anni di intossicazione e depressione immunitaria!) e che non nascono da un giorno all'altro.
Ecco perche' quando smettete di intossicare l'organismo, i sintomi e la malattia non se ne vanno nello spazio di poche ore.
Di norma occorrono settimane e mesi per verificare ogni piccolo miglioramento, una riduzione o una scomparsa dei sintomi.... a meno che non abbiate superato il punto di non ritorno!
Detto questo, ecco alcune delle tante cose da fare e da non fare per ridurre drasticamente l'apporto di sostanze intossicanti e quindi per prevenire e migliorare patologie e disturbi.  

Non mangiare cibi prodotti e commercializzati da corporation, ovvero "di marca". Se e' confezionato in un certo modo, un cibo proviene sicuramente da uno stabilimento per la lavorazione industriale. E se vi e' mai capitato di vedere uno di questi stabilimenti, sapete di cosa parlo. Ricordate che un tipico ciclo di lavorazione industriale  degli alimenti prevede l'utilizzo di circa 15000 sostanze chimiche non necessariamente riportate in etichetta.... per i vaccini, come stanno le cose?... qualcuno si e' mai preoccupato?... OVVIAMENTE NO...

Perciò, anche se avete cura di leggere gli ingredienti di un prodotto, ci sono ottime probabilità che il prodotto contenga sostanze e additivi chimici non dichiarati.

Eliminare i metalli dalle protesi dentarie e dalle otturazioni. Farsi curare i denti da un dentista olistico e' di vitale importanza. Dovete sapere che molte persone soffrono di sintomi debilitanti causati proprio dal metallo (mercurio, piombo, arsenico) utilizzato nelle otturazioni e nelle protesi. Per molti compiere questo passo significa guarire... per la medicina tradizionale e' solo "miracoloso".

Non bere acqua del rubinetto. Tutta l'acqua degli acquedotti e' velenosa. Praticamente tutta l'acqua che scende dai nostri rubinetti e' satura di agenti contaminanti, tossine, veleni e sostanze notoriamente cancerogene, come i fluoruri e il cloro. Bere l'acqua del rubinetto fa ammalare.
Bisogna bere acqua, ma bisogna che sia pura. Meglio bere acqua di sorgente imbottigliata (alcune sono più pure rispetto ad altre), acqua filtrata per osmosi inversa, acqua distillata.

Installare un filtro sulla doccia. Si assorbono più tossine con una doccia che bevendo otto bicchieri d'acqua. La pelle assorbe l'acqua con cui ci laviamo. La doccia calda produce vapore, nel quale le sostanze chimiche contenute nell'acqua si trasformano in gas intossicanti, che respiriamo e assorbiamo attraverso la pelle. Un buon filtro può bloccare la maggior parte delle tossine contenute nell'acqua. Usatene uno e farete un favore a VOI stessi.

Mangiare solo alimenti biologici. Bisogna nutrirsi con cibi che non siano stati prodotti con fertilizzanti, pesticidi o diserbanti chimici. Gi alimenti biologici non contengono residui chimici e sono molto più ricchi di nutrienti.

Non mangiare nei fast-food. Provate a leggere il libro Fast Food Nation di Eric Schlosser. Quando avrete finito di vomitare, ringrazierete il cielo di aver conosciuto la verità!.... trasferite le informazioni nel business dei vaccini e riprenderete a vomitare.

Non mangiate nulla che sia stato preparato con un forno a microonde. Se avete in casa un forno a microonde, fate come me: buttatelo!...
Qualsiasi cibo sottoposto all'azione del microonde risulta energeticamente tossico per l'organismo. Mangiare d'abitudine piatti cucinati o anche solo riscaldati nel microonde indebolisce il sistema immunitario ed e' causa di ansia e depressione. I genitori che scaldano il latte per i bambini nel microonde li stanno inconsapevolmente avvelenando. Il latte di formula e' di per se' un veleno; se poi lo sottoponete alle microonde, diventa ancor più tossico.

Evitare le bibite diet. Le bibite dietetiche sono state definite il "nuovo crack" per il loro potere di indurre dipendenza. In realtà fanno ingrassare e favoriscono la depressione, oltre a scatenare una vasta gamma di sintomi a causa dei dolcificanti artificiali che contengono. Se avete voglia di una bibita, in teoria dovreste comprarne una di produzione biologica (ne ho provate alcune e non sono niente male) in un negozio specializzato; se proprio non potete, meglio bere una bibita tradizionale. L'idea che tutti i prodotti dietetici abbiano un ridotto contenuto calorico e quindi aiutino a tenere sotto controllo il peso non ha nessun fondamento. Anzi, e' vero il contrario. Tutte le bibite gassate bloccano l'assorbimento del calcio.

Eliminare l'aspartame e il glutammato monosodico. Questi additivi alimentari sono classificati tra le sostanze neurotossiche e sono responsabili di molte patologie che sarebbe possibile prevenire, come il mal di testa, l'asma, l'epilessia, le aritmie cardiache, la depressione, i disturbi legati a deficit dell'attenzione o all'iperattività.

Evitare gli oli idrogenati. Sono classificati fra i grassi trans. Si tratta di prodotti artificiali, tossici, che aggrediscono le pareti arteriose e provocano cardiopatie. Danneggiano anche il fegato, la milza, l'intestino, i reni e la cistifellea, pregiudicando la funzionalità degli organi. La brutta notizia e' che gli oli idrogenati sono presenti praticamente in tutti i cibi industriali. La buona notizia e' che esistono cibi che ne sono privi: si trovano nei negozi di prodotti biologici.

Evitare i dolcificanti artificiali. Si tratta di sostanze chimiche. Sono veleni e non andrebbero consumati, perche' causano i più svariati problemi di salute.
Per dolcificare provate ad usare miele grezzo, succo di canna da zucchero o erba stevia, di produzione biologica.
La "scienza" (quel tipo di scienza) NON e' MEGLIO della NATURA !


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Gran parte delle conclusioni alle quali arrivano i ricercatori nei loro studi sono spesso esagerate, fuorvianti, o addirittura completamente false.
Perche' allora i medici, in buona parte, determinano le loro pratiche terapeutiche basandosi su questa disinformazione?
Il dr. John Ioannidis si e' impegnato nel dimostrare i ragionamenti errati o non scientifici di molti dei suoi colleghi.

Bugie, maledette bugie e scienza medica – By David H. Freedman
Nel 2001 in Grecia si sparsero voci secondo le quali venivano diagnosticate finte appendiciti ai poveri immigrati albanesi per poter aumentare il numero di interventi effettuati negli ospedali. Una neolaureata, Athina Tatsioni, stava discutendo di queste voci con dei dei colleghi nel policlinico dell'università di Ioannina, ed un professore, sentendo la conversazione, le chiese se fosse disposta a provare la loro veridicità, e la sfidò nell'impresa. Lei accettò la sfida e, con l'aiuto del professore ed altri colleghi colleghi, realizzò uno studio formale che dimostrò che, per qualche motivo, il numero di pazienti con nomi albanesi operati di appendicite in sei ospedali grechi era più di tre volte maggiore rispetto ai pazienti con nomi greci. "Fu difficile trovare una rivista disposta a pubblicare l'articolo, ma ci riuscimmo", ricorda Tatsioni. "Ho anche scoperto di avere una passione per la ricerca".
La cosa fu per lei doppiamente importante perche' si scoprì che il professore che l'aveva ingaggiata stava cercando di mettere insieme una squadra di giovani medici e ricercatori per un compito piuttosto insolito, e lei aveva passato con successo la prova d'ammissione.

La scorsa primavera partecipai ad uno dei meeting settimanali del gruppo nel campus dell'università, tenuto lungo una strana serie di ripide colline. L'edificio in cui ci incontrammo, così come gli altri della scuola, assomiglia ad una caserma ed i suoi muri sono cosparsi di scritte a sfondo politico. Ma la stanza dell'incontro era una sala conferenze così spaziosa che sarebbe stata degna di una startup della Silicon Valley. Tatsioni ed altri otto giovani ricercatori sedevano attorno ad un grande tavolo ed a differenza di molti loro colleghi statunitensi, somigliavano al cast di una serie medica televisiva. Il professore, una persona elegante e dalla voce cordiale, presiedeva la seduta senza troppe formalità.

Una delle ricercatrici, una biostatistica di nome Georgia Salanti, accese un laptop ed un proiettore ...
... per illustrare uno studio che stava facendo con alcuni colleghi che si poneva la seguente domanda: "le case farmaceutiche manipolano le ricerche per far sembrare migliori i loro farmaci ?
Salanti cominciò ad enunciare una serie di dati che sosteneva questa ipotesi ma fu rapidamente interrotta dai suoi colleghi.
Uno fece notare che il suo studio non prendeva in considerazione il fatto che le aziende farmaceutiche non danno la giusta importanza ai risultati "importanti" per i pazienti come la sopravvivenza rispetto ai decessi, mentre tendono a riportare risultati più soggettivi come lo stato di benessere auto-diagnosticato (ad esempio "oggi il petto non mi fa male quanto ieri").
Un altro collega rimarcò il fatto che lo studio di Salanti si dimenticava del fatto che quando le aziende farmaceutiche sembravano mostrare una miglioria della salute dei pazienti, non veniva contemporaneamente mostrata la prova che la medicina in causa era la sola artefice di questa miglioria, oppure che la miglioria era trascurabile.

Salanti rimase impassibile, come se essere criticata duramente facesse parse del corso, e non esitò ad ammettere che tutte le obiezioni fossero valide; replicò che una unica ricerca non può dimostrare tutto. Cominciai a capire quanto potessero essere flessibili gli studi effettuati dalle case farmaceutiche. Fu allora che il prof. Ioannidis, che fino a quel momento era stato in silenzio, assestò il colpo di grazia: non sarà, chiese, che le aziende farmaceutiche scelgono con cura gli argomenti dei loro studi, ad esempio confrontando i nuovi farmaci con prodotti già notoriamente poco efficaci, in modo da essere avvantaggiati ancora prima che cominci il balletto dei numeri e delle statistiche? "Forse a volte sono le domande ad essere manipolate, non le risposte", disse con un sorriso amichevole. Tutti annuirono. Anche se i risultati di alcune ricerche arrivano sulle prime pagine dei giornali dovremmo sempre chiederci se dimostrano veramente qualcosa. Esisterà una ricerca medica di cui possiamo veramente fidarci?

Questa e' stata una delle domande principali per Ioannidis, che ha avuto una carriera da metaricercatore, ed e' diventato uno dei principali esperti sulla credibilità della ricerca medica. Lui con il suo team ha dimostrato, più volte, ed anche in diversi modi che gran parte delle conclusioni negli studi in ricerca biomedica pubblicati - conclusioni che vengono prese in considerazione dai dottori quando prescrivono antibiotici o medicinali per la pressione, o quando ci consigliano di mangiare più fibre o meno carne, o quando consigliano un intervento al cuore o per il mal di schiena - sono fuorvianti, esagerate, e spesso semplicemente errate. Ioannidis sostiene che il 90% delle informazioni mediche pubblicate, sulle quali fanno poi affidamento i medici, hanno dei problemi di fondo. Il suo lavoro e' stato ampiamente accettato dalla comunità medica e viene spesso citato nelle più prestigiose riviste del settore, ed alle conferenze le sue presenze sono una grande attrazione.
Considerando la sua notorietà ed il fatto che prende di mira il lavoro degli altri colleghi, così come il comportamento dei medici nei nostri confronti ed i consigli che ci danno, Ioannidis potrebbe essere uno degli scienziati attualmente più influenti. Ma nonostante la sua influenza ritiene che la ricerca medica e' così fallata e segnata da conflitti d'interesse che sia impossibile correggere questa situazione, o anche semplicemente ammettere l'esistenza di questo enorme problema.

La cittadina universitaria di Ioannina e' situata vicino alle rovine di un anfiteatro di 20.000 posti costruito in onore di Zeus sul sito dell'antico oracolo di Dodona. Si diceva che un tempo l'oracolo rispondesse alle domande dei sacerdoti agitando le fronde di una antica quercia sacra. Al giorno d'oggi una nuova quercia invita i visitatori a ripetere il rito.
"Porto qui tutti i ricercatori che vengono a trovarmi e quasi tutti rivolgono alla quercia la stessa domanda", mi racconta Iannidis, contemplando l'albero il giorno seguente il meeting. "Otterrò il finanziamento per la mia ricerca?". Ridacchia, ma Ioannidis tende a ridere non tanto per allegria quanto per ammorbidire la durezza dei suoi attacchi. Ed osserva che l'ossessione dei finanziamenti ha contribuito molto ad indebolire la credibilità della ricerca medica.

Ioannidis si e' imbattuto in questo tipo di problematica la prima volta all'inizio degli anni '90, da giovane ricercatore ad Harvard. All'epoca era interessato nel diagnosticare alcune malattie rare per le quali scarseggiavano i dati al punto che i dottori dovevano affidarsi all'intuito ed all'esperienza. Ma ben presto si accorse che i medici tendevano a procedere nella stessa maniera anche quando si trattava di tumori, cardiopatie ed altre patologie comuni.
Dov'erano i dati che sostenevano le loro scelte terapeutiche ? C'erano molte ricerche pubblicate ma in molti casi erano ben poco scientifiche e basate principalmente sull'osservazione di un numero ridotto di casi. Proprio in quel periodo stava nascendo un nuovo movimento a favore di una "medicina fondata sulle prove" in cui Iaonnidis si lanciò a capofitto, lavorando con autorevoli ricercatori della Tufts University e poi assumendo incarichi alla John Hopkins University ed all'istituto nazionale della salute.
Era molto preparato per questo tipo di lavoro: durante il liceo veniva considerato un prodigio in matematica ed aveva poi deciso di seguire i passi dei suoi genitori, entrambi ricercatori.
Ora aveva la possibilità di conciliare matematica e medicina applicando una rigorosa analisi statistica ad un settore altrimenti ben poco rigoroso in tal senso.
"Davo per scontato che tutto ciò che facevamo noi medici fosse sostanzialmente giusto, ma volevo verificarlo", dice. "Tutto quello che dobbiamo fare e' rivedere in maniera sistematica tutte le prove per poterci fare affidamento e poi tutto sarebbe stato perfetto".

Ma non andò così. Lavorando sulle pubblicazioni mediche, Ioannidis fù colpito da quante scoperte di ogni tipo venissero poi contraddette da scoperte successive. Ovviamente le smentite in ambito medico non sono certo un segreto.
E qualche volta arrivano anche sui giornali, come recentemente riguardo diversi studi, che trovano un ampio consenso tra i ricercatori, che concludono che mammografie, colonscopie e test del PSA sono molto meno utili di quanto si pensasse per individuare i tumori. Oppure di quanto farmaci come il Prozac, il Zoloft o il Paxil in molti casi di depressioni non siano più efficaci di un placebo.
O che evitare completamente il sole può far aumentare il rischio di cancro, o che bere molta acqua durante una attività fisica intensa può essere potenzialmente fatale. O ancora quando, ad Aprile, siamo stati informati sul fatto che assumere olio di pesce, fare attività fisica e giochi enigmistici non aiuta a prevenire l'Alzheimer come fino a prima sostenuto.
Studi sottoposti a revisione tra pari sono arrivati a conclusioni opposte nel valutare se l'uso del cellulare provochi tumori al cervello, se dormire più di 8 ore a notte sia salutare o pericoloso, se assumere aspirina ogni giorno possa allungare o accorciare la vita media, se l'angioplastica sia meglio o peggio dei farmaci per liberare le coronarie.

Ma Ioannidis fu soprattutto sbalordito dai continui capovolgimenti che vedeva nella ricerca medica. I "controlli randomizzati" (randomized controlled trials) che mettono a confronto un gruppo sottoposto ad un determinato trattamento ed un altro gruppo a cui la terapia non viene somministrata erano considerati da sempre una evidenza incontrovertibile, eppure a volte si dimostravano sbagliati. "Mi resi conto che anche le nostre ricerche di tipo 'gold standard' avevano un sacco di problemi", racconta.
Perplesso, cercò di cominciare a capire cosa c'era di sbagliato. E capì ben presto che la gamma di errori commessi era sbalorditiva: a partire da quali domande ponevano i ricercatori, a come impostavano gli studi, quali pazienti reclutavano, quali misurazioni effettuavano, come analizzavano i dati, fino a come venivano presentati i dati e come determinati studi arrivavano ad essere pubblicati nelle riviste mediche.

Questo ampio assortimento faceva pensare ad una disfunzionalità di base più grave e Ioannidis pensava di sapere quale fosse. "Gli studi erano viziati da un errore sistematico", spiega. "A volte erano apertamente viziati. A volte la manipolazione era difficile da individuare, ma c'era". I ricercatori cominciavano i loro studi cercando certi risultati, e guarda caso li trovavano.
Pensiamo che il processo scientifico sia obiettivo, rigoroso e spietato nel separare ciò che e' vero da ciò che vorremmo fosse vero, ma in realtà e' facile manipolare i risultati, perfino senza volerlo o senza esserne consapevoli. "In ogni passaggio c'e' uno spazio di manovra per distorcere i dati, per rafforzare la propria tesi o per selezionare le conclusioni alle quali si vuole arrivare", continua Ioannidis. "C'e' una sorta di conflitto di interessi intellettuale che spinge i ricercatori a trovare il risultato che ha la maggior probabilità di ottenere un finanziamento".

Forse solo una minoranza dei ricercatori si comporta in questo modo, ma i loro risultati distorti hanno un enorme impatto sulle ricerche pubblicate. Per ottenere cattedre o finanziamenti, o spesso semplicemente per restare a galla, i ricercatori devono far pubblicare i loro studi in riviste prestigiose, dove il tasso di rifiuto può essere superiore al 90%. Chiaramente gli studi che tendono a superare la soglia sono quelli con risultati clamorosi. Ma se presentare teorie molto attrattive può essere relativamente semplice, trovare conferme nella realtà e' tutta un'altra storia. Sottoporre ad un'analisi rigorosa la maggior parte delle ricerche le farebbe crollare sotto il peso di dati contradditori.

Ora immaginiamo che 5 team di ricercatori vogliano testare un'interessante teoria di cui si sta parlando molto e che quattro di loro dimostrino correttamente che la teoria e' sbagliata, mentre il gruppo meno preciso, grazie ad errori, colpi di fortuna e/o un'abile selezione dei dati, riesca a "dimostrare" che e' giusta. Indovinate quale degli studi finirà sotto gli occhi del medico in una rivista specializzata e finirà al telegiornale in prima serata?  A volte i ricercatori fanno notizia confutando un'importante scoperta, cosa che può contribuire quanto meno a sollevare dubbi sui risultati, ma in generale e' molto più gratificante aggiungere una nuova intuizione o una caratteristica interessante ad una ricerca già nota piuttosto che sottoporre ad una nuova verifica le sue premesse fondamentali. Del resto semplicemente riverificare i risultati di qualcun altro difficilmente si tramuterà in una pubblicazione, e smentire il lavoro di stimati colleghi può avere sgradevoli ripercussioni professionali.

Alla fine degli anni '90 Iannidis si installò all'università di Ioannina. Mise insieme la sua squadra, che e' fondamentalmente la stessa di oggi, e cominciò ad affrontare il problema in una serie di articoli che spiegavano in che modo alcuni studi davano risultati fuorvianti. Anche altri metaricercatori cominciavano ad identificare l'elevato tasso di errori della letteratura medica.
Ma Ioannidis voleva creare un quadro generale basandosi su dati solidi, un ragionamento chiaro ed una buona analisi statistica. Il progetto andò avanti finche' Ioannidis si ritirò infine nella piccolissima isola di Sikinos, nel mar Egeo, ispirato dall'ambiente relativamente primitivo e dalle tradizioni intellettuali evocate da quei luoghi. "Un tema ricorrente della letteratura della Grecia antica e' che sia necessario ricercare la verità, qualunque essa sia", dice. Nel 2005 rilasciò due studi che sfidavano le fondamenta della ricerca medica.

Scelse di pubblicare il primo articolo appositamente sulla rivista online
PLoS Medicine http://www.plosmedicine.org/article/info:doi/10.1371/journal.pmed.0020124
la cui finalità e' impegnarsi a diffondere qualunque articolo metodologicamente corretto a prescindere da quanto siano "interessanti" i risultati.

Nello studio, Ioannidis ha esposto una precisa dimostrazione matematica di come, ipotizzando un modesto livello di manipolazione da parte del ricercatore, un margine di imperfezione attribuibile alle metodologie di ricerca e la tendenza a concentrarsi sulle teorie più eccitanti invece che quelle più scontate, i ricercatori arriveranno quasi sempre a risultati sbagliati.

Più semplicemente, se si e' attirati da un'idea che ha buone probabilità di essere sbagliata, ma si e' motivati a dimostrare che e' giusta e se c'e' un certo spazio di manovra per produrre le prove, quasi sempre si riuscirà a dimostrare che una teoria sbagliata e' giusta. Il modello prevedeva, nei vari settori della ricerca medica, tassi di errore più o meno corrispondenti alle percentuali storiche di studi che nel tempo sono stati poi smentiti: si rivela infatti errato l'80% degli studi non randomizzati (che sono anche i più diffusi), il 25% dei controlli randomizzati supposti gold standard, e fino al 10% dei grandi studi randomizzati di qualità platinum standard. Nell'articolo Ioannidis ha espresso la sua convinzione che i ricercatori spesso manipolano l'analisi dei dati, privilegiando i risultati che possono favorire la carriera piuttosto che la buona scienza, ed arrivando ad usare perfino il processo di revisione tra pari (il famoso peer review) - in cui le riviste chiedono ai ricercatori di decidere quali studi pubblicare - per eliminare le opinioni contrastanti. "Puoi mettere in dubbio alcuni dettagli dei calcoli di John, ma e' difficile sostenere che l'essenza delle idee non sia fondamentalmente corretta", dice Dong Altman, un ricercatore dell'università di Oxford che dirige il centro per la statistica in medicina.

Eppure Ioannidis temeva che la comunità medica potesse trascurare i suoi risultati: sicuramente molte ricerche discutibili arrivano alla pubblicazione, ma noi medici e ricercatori sappiamo ignorarle e concentrarci sulle cose migliori, quindi quale e' il problema ? Il suo secondo articolo si occupava proprio di questa obiezione. Ioannidis aveva preso di mira 49 dei tra le ricerche giudicate più importanti degli ultimi 13 anni in base ai due criteri stardard di misura: gli studi erano apparsi nelle riviste più citate negli articoli di ricerca e i 49 studi erano i più citati di queste riviste.
Erano gli articoli avevano contribuito alla popolarità come la terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa, la vitamina E per ridurre il rischio di cardiopatie, gli stent coronarici per scongiurare gli attacchi cardiaci ed una bassa somministrazione giornaliera di aspirina per controllare la pressione e prevenire infarti ed ictus. Ioannidis stava mettendo alla prova le sue tesi non su ricerche di basso livello o quelle semplicemente più accettate, ma sul vertice assoluto della piramide della ricerca. Dei 49 articoli 45 affermavano di aver scoperto interventi efficaci. 34 di queste affermazioni erano state riverificate e 14, cioe' il 41%, si erano dimostrate sbagliate o di gran lunga esagerate.
Se tra un terzo e metà delle più acclamate ricerche mediche si rivelava inaffidabile la portata del problema era innegabile. Questo articolo fu pubblicato nel Journal of American Medical Association.

Dopo aver insistito per farmi vedere i sei monasteri su di un'isola nel centro di un vicino lago, come sembra faccia con tutti i suoi ospiti, si scusò profusamente per l'uso di una luce gialla, spiegando ridendo che non si fidava della capacità di fermarsi in tempo del camion dietro di lui. Considerando la sua volontà, ed anche la brama, di prendere a schiaffi la comunità medica, appare premuroso, allegro e molto cortese. per la un ascoltatore attento che con i suoi ampi sorrisi e risatine che sembrano di scusa fa sembrare quasi benevoli i duri affondi delle sue argomentazioni. Ed e' sempre pronto, anzi prontissimo, a mettere in dubbio la sua competenza e le sue motivazioni come quelle di chiunque altro. Sottile ed elegante, con baffi ben curati, e' un quarantacinquenne dai tratti di un nerd brioso - un misto tra Giancarlo Giannini ed un po' di Mister Bean.

Con l'umiltà e la cortesia che lo contraddistinguono, Ioannidis riesce a far arrivare un messaggio che non e' facile da digerire, e tutto sommato nemmeno da credere, e cioe' che perfino i più stimati ricercatori di sitituzioni prestigiose a volte sfornano risultati di grido invece di semplici scoperte che però hanno più probabilità di essere giuste. E Ioannidis precisa che le pagine delle più illustri riviste mediche, per non parlare dei quotidiani, sono piene di dati discutibili.
Basti pensare a tutti i risultati sulla nutrizione in cui i ricercatori seguono migliaia di persone per un certo numero di anni registrando tutto quello che mangiano, quali integratori assumono, e come cambia la loro salute nel corso dello studio. Poi si chiedono "Cosa ha fatto la vitamina E ?
Cosa hanno fatto la vitamina C, D o A? Cosa e' cambiato con la diversa assunzione di calorie, proteine o grassi ?
Cosa e' successo si livelli di colesterolo? Chi ha avuto un tumore, e di che tipo?". Passano tutto al setaccio, cominciano a trovare delle associazioni e finalmente concludono che la vitamina X riduce il rischio di tumore Y, oppure che tale prodotto alimentare diminuisce il rischio di una certa malattia".
Nella stessa settimana, quest'autunno, la pagina di Google News mostrava queste notizie: "Maggiori dosi di Omega-3 non aiutano i malati di cuori", "Frutta e verdura diminuiscono il rischio di tumori per i fumatori", "La soia potrebbe aiutare le donne anziane con problemi di insonnia" e decine di altri articoli simili.

Quando uno studio condotto per cinque anni su 10.000 persone rivela che chi assume più vitamina X ha meno probabilità di sviluppare il tumore Y e' e facile credere che ci siano buone ragioni per prendere più vitamina X, ed automaticamente i medici passano questa raccomandazione ai pazienti. Ma spesso questi studi si contraddicono pesantemente lun l'altro.
E così troviamo una moltitudine di annunci e smentite sulle qualità antitumorali delle vitamine A, D ed E, sui benefici di una dieta ricca di grassi e carboidrati per la salute del cuore e perfino sulla possibilità che essere in sovrappeso accorci o allunghi la vita. Come dovremmo orientarci tra questi studi di alto livello sull'alimentazione, ma contradditori? Ioannidis suggerisce un approccio semplice: ignorarli tutti.

Tanto per cominciare, spiega, in una grande raccolta di dati e' facile che si sviluppino legami apparenti tra fattori legati alla nutrizione ed alla salute ma che in realtà possono essere solo casuali, un po' come combinare a caso lettere e poi sostenere che c'e' un messaggio importante per ogni parola che si forma. Ma anche se uno studio riuscisse a stabilire un reale rapporto tra un qualche ingrediente e la salute difficilmente potremmo avere dei benefici mangiandone di più perche' tutti noi consumiamo migliaia di elementi nutritivi che interagiscono tra loro in una sorta di rete. E cambiare le dosi di un solo nutriente provocherebbe ripercussioni troppo complesse da capire sull'intera rete con la possibilità che siano tanto benefiche quanto malefiche per la salute. E per di più se anche agendo su quell'unico fattore si portasse un reale miglioramento rimarrebbe aperta la possibilità che sul lungo periodo si manifestino effetti negativi perche' questi studi non seguono quasi mai il decorso di una malattia per interi decenni o fino alla morte. Si accontentano di controllare degli "indicatori" della salute facilmente misurabili come i livelli di colesterolo, pressione sanguigna e glicemia ed i metaesperti hanno dimostrato che cambiamenti in questi indicatori spesso non si correlano bene con la salute a lungo termine.

Nei casi relativamente rari in cui uno studio dura sufficientemente a lungo da tracciare la mortalità, i risultati spesso contraddicono quelli delle ricerche più brevi. (Per esempio, sebbene la grande maggioranza degli studi su persone sovrappeso correla il peso eccessivo con problemi di salute, gli studi più lunghi non hanno mostrato in modo convincente che che le persone sovrappeso muoiano prima, ed addirittura alcuni di essi hanno mostrato che persone lievemente sovrappeso possono vivere mediamente di più).
E questi risultati non dipendono dai normali errori di rilevazione (ad esempio normalmente le persone riportano in maniera errata le proprie abitudini alimentari), da analisi sbagliate (i ricercatori si affidano a software complessi che possono manipolare i risultati senza che loro ne siano consapevoli) e da problemi meno comuni ma molto importanti quali le vere e proprie frodi (un problema che, in sondaggi confidenziali si e' rivelato molto più diffuso di quanto gli scienziati vogliano ammettere).

Infine, se uno studio riesce a superare tutti questi problemi ed a stabilire una vera correlazione per la salute a lungo termine, non c'e' nessuna garanzia di poterne trovare giovamento perche' gli studi riportano risultati medi che rappresentano una vasta gamma di esiti individuali. Se poi doveste rientrare nella minoranza che può effettivamente beneficiarne non c'e' da aspettarsi un miglioramento evidente perche' gli studi normalmente colgono solo effetti modesti che tendono a ridurre le già basse probabilità di essere colpiti da una certa malattia. "Le possibilità che da questi studi esca fuori qualcosa di utile e' molto bassa", dice Ioannidis - liquidando così in un attimo gran parte dei 100 miliardi di dollari di ricerche mediche solo negli Stati Uniti.

Una cosa analoga avviene per tutti gli studi medici, dice Ioannidis. E sicuramente quelli sulla nutrizione non sono i peggiori: gli studi sui farmaci hanno l'aggravante del conflitto di interesse economico. Ioannidis aggiunge che i collegamenti genetici con le malattie o altri annunci che vengono costantemente sbandierati dalla stampa perche' sembrano promettere terapie miracolose in passato si sono mostrati così vulnerabili ad errori e distorsioni che tanto valeva giocare a freccette prendendo di mira una mappa del genoma. Vioxx, Zelnorm e Baycol sono tre esempi di farmaci di largo consumo che in ampi controlli randomizzati erano risultati sicuri ed efficaci e poi sono stati ritirati dal mercato per non avere una o l'altra qualità, o entrambe.

"A volte le tesi presentate nelle ricerche sono così stravaganti che possono essere liquidate senza neppure bisogno di approfondire i problemi specifici di quegli studi", dice Ioannidis. Ma naturalmente e' proprio l'originalità delle tesi (una importante ricerca randomizzata ha mostrato che la preghiera di persone sconosciute può aiutare a salvare la vita di pazienti sottoposti ad interventi al cuore, mentre altri hanno dimostrato che li può danneggiare) che contribuisce a far pubblicare i risultati nelle riviste e poi a farli entrare nelle terapie e nel nostro stile di vita, soprattutto se queste idee si basano su evidenze che sembrano straordinarie. "Anche quando l'evidenza mostra che l'idea in una certa ricerca e' sbagliata, se hai migliaia di scienziati che hanno investito su di essa la loro carriera, continueranno a pubblicare articoli su di essa", dice. "per la come un epidemia, nel senso che se uno e' infetto da un'idea sbagliata poi la contagia ad altri ricercatori attraverso le riviste".

Sebbene gli scienziati ed i giornalisti scientifici continuino a ribadire l'importanza del processo di revisione tra pari, i ricercatori ammettono che gli studi viziati da errori di prospettiva, sbagliati, o persino fraudolenti riescono a venire pubblicati nelle riviste con estrema facilità. Nature, la grande signora delle riviste scientifiche, in un editoriale del 2006 ha scritto:
"Gli scienziati sanno che di per sé la revisione tra pari fornisce solo una minima garanzia di qualità ma la percezione che arriva al pubblico e' ben distante dalla realtà". Inoltre il processo di revisione tra pari spesso scoraggia gli studiosi ad avventurarsi su strade nuove e li spinge a lavorare sui risultati dei colleghi (che sono i loro potenziali revisori) in modi che solo sembrano importanti passi avanti.
Ad esempio per mirabolanti associazioni genetiche (identificato il gene dell'autismo!) e scoperte nutrizionali (l'olio di oliva abbassa la pressione sanguigna!) che in realtà sono varianti ipotetiche e contraddittorie dello stesso tema.

La maggior parte dei redattori delle riviste non cerca nemmeno di difendersi dai problemi che affliggono questi studi.
Le università ed i centri di ricerca governativi che supervisionano la ricerca raramente impongono standard di qualità più elevati, e quando lo fanno, la comunità scientifica s'infuria e respinge le interferenze esterne.
La protezione migliore nei confronti di errori sulle ricerche e preconcetti dovrebbe avvenire da parte degli studiosi che sottopongono a nuove verifiche le proprie ed altrui conclusioni, ma non lo fanno. Soltanto i risultati di maggiore rilievo vengono messi alla prova, perche' confermarli o smentirli può aiutare a raggiungere la pubblicabilità.

Ma anche negli studi più influenti a volte le evidenze sono veramente limitate. Dei 45 studi supercitati presi in considerazione da Ioannidis ben 11 non sono mai stati verificati una seconda volta. Ma c'e' di peggio: Ioannidis ha verificato che un errore di metodo rimane per anni o addirittura decenni, anche quando viene identificato. Esaminando tre degli studi principali degli anni '80 e '90 ognuno dei quali successivamente smentito, ha scoperto che i ricercatori continuavano a citare lo studio originale il più delle volte ancora come corretto, in un caso addirittura per 12 anni.

I medici dovrebbero accorgersi che i pazienti non reagiscono alle terapie che la letteratura li aveva indotti a pensare, ma il settore e' appositamente condizionato a vedere i propri risultati come aneddotici rispetto a quelli degli studi. Eppure la maggior parte di quello che fanno i medici non e' mai stata verificata con studi credibili dato che questa necessità e' cominciata a sentirsi solo negli anni '90. Ora il settore deve recuperare più di un secolo di medicina non basata su prove, dando ancora più importanza alle asserzioni di Ioannidis secondo le quali le conoscenze mediche sono fondamentalmente errate. Il fatto che questa mancanza non porti a gravi conseguenze per la salute e' dato principalmente dal fatto che la maggior parte dei consigli ed interventi medici non riguardano condizioni di vita o di morte ma ci portano a lievi migliorie o peggioramenti che non modificano in maniera sostanziale i nostri rischi per la salute.

La ricerca medica non e' certo l'unica ad essere afflitta da errori sistematici. Altri esperti metaricercatori hanno confermato che problematiche simili distorcono la ricerca in tutti i settori della scienza, dalla fisica all'economia (dove gli autorevoli economisti J. Bradford DeLong e Kevin Lang una volta mostrarono come una completa insufficienza di prove su studi economici pubblicati porterebbe a pensare che nessuno di loro sia corretto). Ed e' superfluo aggiungere che la situazione peggiora ancora con la miriade di saggi popolari che ci vengono propinati da guru e presunti esperti di diete, rapporti umani, investimenti e relazioni familiari. Ma ci aspettiamo di più dagli scienziati, ed in particolare dalla scienza medica, perche' siamo convinti che la nostra vita dipenda dalle loro scoperte. L'opinione pubblica difficilmente si rende conto di quanto sia azzardata questa scommessa.
La stessa comunità medica avrebbe continuato a sottovalutare la gravità del problema se Ioannidis non l'avesse costretta ad affrontarlo con gli studi che ha pubblicato nel 2005.

Inizialmente Ioannidis pensò che la comunità avrebbe reagito ai suoi studi contestandoli. Invece sembra sollevato dal fatto che sembri che il settore sia riuscito a dare corpo a questi sospetti, aspettando che qualcuno avesse il coraggio di parlarne, ed anzi ansioso di saperne di più. David Gorski, un chirurgo e ricercatore del Detroit’s Barbara Ann Karmanos Cancer Institute, ha fatto notare, attraverso il suo blog che e' molto conosciuto, che quando ha presentato le ricerche di Ioannidis sui lavori più citati ad un meeting professionale "non uno solo dei miei colleghi aveva il minimo cenno di sorpresa o era disturbato dai suoi risultati". Ioannidis propone una teoria per una tale tranquilla accettazione dei suoi studi. "Non penso che le persone hanno pensato che stessi solo cercando di provocarli perche' ho mostrato che era proprio un problema della comunità invece di additare singoli esempi di cattiva ricerca", dice. In un certo modo e' come se avesse fornito la possibilità per tutti di ammettere le problematiche che li affliggono senza la necessità di mostrarsi colpevoli, in quanto e' come se tutti si comportassero nello stesso modo.

Dire che il lavoro di Ioannidis e' stato accolto pienamente non gli renderebbe giustizia. Il suo studio pubblicato su PLoS Medicine e' il più scaricato nella storia della rivista e non e' nemmeno il lavoro più citato di Ioannidis, che e' invece quello pubblicato in Nature Genetics sulla problematica dei legami genetici.
Molti ricercatori vogliono lavorare con lui: ha pubblicato studi con 1328 diversi coautori di 538 istituzioni in 43 diversi paesi, dice. Stima di aver ricevuto l'anno scorso 1000 inviti a parlare ad altrettante conferenze ed istituzioni sparse per il mondo e accettava una media di 5 inviti al mese fino a che un problema di vertigini dovuto all'eccessivo viaggiare non l'ha fermato. Ciononostante, nelle settimane prima della mia visita aveva già partecipato ad una conferenza sull'AIDS a San Francisco, all'European Society for Clinical Investigation, all'Harvard’s School of Public Health, alla scuola di medicina di Stanford and Tufts.

A Ioannidis non sfugge l'ironia di aver avuto tutto questo successo accusando la comunità della ricerca medica di cercare solo il successo e nota che bisognerebbe sollevare il problema se lui stesso non stia gonfiando i suoi risultati. "Se conducessi uno studio e le conclusioni dimostrassero che nel campo della ricerca non ci fossero pregiudizi, lo pubblicherei?", si chiede.
"Mi creerebbe un vero conflitto psicologico". Ma il suo cruccio più grande, dice, e' quello che benche' i suoi colleghi ricercatori sembrano aver recepito il suo messaggio, nessuno in realtà si preoccupi di migliorare la qualità del proprio lavoro.
"Forse non incontro grosse resistenze in quello che dico", spiega. "Ma e' difficile cambiare il comportamento abituale ed il modo di pensare di medici, pazienti e persone sane".

Nonostante l'aspetto del campus della scuola di medicina dell'università di Ioannina sia decisamente caotico, l'ospedale ha un aspetto solido e rassicurante. Athina Tatsioni si offre di farmi visitare la struttura ma riusciamo a malapena a raggiungere l'entrata che una donna anziana dall'aria preoccupata la ferma. Tatsioni, normalmente piuttosto riservata, e' molto calorosa con la signora e dopo una breve ma intensa conversazione la abbraccia e la saluta. Tatsioni mi spiega che quella donna e suo marito furono pazienti anni orsono, ed al momento il marito era ricoverato con dolori addominali. Tatsioni le aveva promesso di passare nella sua stanza per salutarlo. Ricordando la storia dell'appendicite la punzecchio in proposito e mi confessa di volerlo controllare personalmente. Deve però comportarsi in modo circospetto per non dare l'idea di voler controllare l'operato degli altri medici.

La sua preoccupazione non e' tanto che gli asportino inutilmente l'appendice quanto la preoccupazione che, come accade a molti pazienti, gli vengano somministrati una serie di farmaci che possano essergli poco utili ed invece causargli problemi. Normalmente vengono richiesti una serie di esami biochimici come grasso epatico, funzionalità pancreatica e così via", mi dice. "I test potrebbero rivelare qualche problema, ma sono probabilmente irrilevanti. Una semplice chiacchierata con il paziente ed una anamnesi accurata potrebbe dare risultati migliori".

Ovviamente a tutti i medici e' stato insegnato di far fare quegli esami, fa notare, e seguire quella pratica fa risparmiare tempo rispetto ad una lunga chiacchierata con il paziente. I medici vengono anche istruiti a somministrare al paziente ogni farmaco che che possa contribuire a sistemare i valori sballati. Ma quello che nessuno gli ha insegnato a fare e' esaminare gli studi che supportano l'uso di questi farmaci come terapia standard. "Quando leggi gli articoli scopri spesso che i farmaci non funzionano meglio di un placebo. E nessuno ha studiato come interagiscono con altri farmaci. A volte basta togliere ad un paziente tutte le medicine per farlo stare subito meglio", dice Tatsioni. Non soltanto controllare le ricerche' e' una attività che richiede tempo, ma spesso sono gli stessi pazienti che non vogliono rinunciare ai loro farmaci perche' li trovano rassicuranti.

Più tardi Ioannidis mi dice che ha scelto di avere diversi clinici nel suo team. "I ricercatori ed i medici spesso non si capiscono perche' parlano una lingua diversa", dice. Visto che alcuni dei suoi ricercatori passano più della metà del tempo a visitare i pazienti, spera che la sua squadra sarà in grado di colmare questo vuoto. La loro esperienza di prima mano viene comunicata ai team di ricerca e questo li aiuta a scrivere le ricerche con un linguaggio più convincente per i medici.
Secondo lui non e' necessario che i medici prendano le loro decisioni basandosi esclusivamente su prove certe perche' il trattamento dei pazienti e' troppo complesso perche' sia possibile definire ogni singolo caso con uno studio dettagliato.
"I medici devono sapersi affidare al loro istinto nel fare le proprie scelte. Ma queste scelte devono essere il più possibile supportate dalle prove. E se le prove non sono attendibili, i medici dovrebbero saperlo. E così i pazienti".

In effetti, la possibilità di divulgare i dati sulle ricerche mediche e' una questione spinosa per la comunità dei metaricercatori.
I medici hanno già l'impressione di dover faticare parecchio per impedire ai pazienti di rivolgersi a terapie alternative come l'omeopatia o di autodiagnosticarsi in modo errato via Internet, o più semplicemente di trascurare i trattamenti necessari, quindi non hanno nessuna voglia di fornire altre ragioni per evitare di fidarsi del loro operato. Tutto questo senza considerare che la disillusione del pubblico potrebbe ripecuotersi negativamente sui finanziamenti alla ricerca.
A Ioannidis non interessano queste preoccupazioni. "Se non parliamo al pubblico di questi problemi allora non siamo migliori dei falsi scienziati che sostengono di poter guarire le persone", dice. "Se i farmaci non funzionano e non siamo sicuri di come curare una malattia, perche' dovremmo sostenere il contrario? Ma se effettivamente non siamo in grado di fare miracoli, per quanto tempo riusciremo ad ingannare l'opinione pubblica? La ricerca scientifica e' probabilmente la più grande conquista nella storia dell'umanità, ma questo non implica di avere il diritto di ingigantire i nostri risultati".

Potremmo risolvere la grande degli errori, dice Ioannidis, semplicemente se smettessimo di aspettarci che gli scienziati abbiano sempre ragione. Questo perche' nella scienza va bene avere torto, ed e' anche necessario - purche' si ammetta apertamente il proprio errore invece di nasconderlo, e si passi a qualcosa di nuovo finche' non si riesca ad arrivare a qualcosa di genuinamente rivoluzionario.
Ma finche' le carriere rimarranno legate alla produzione di un fiume di ricerche abbellite per sembrare più corrette di quello che sono, gli scienziati produrranno esattamente quello.
"La scienza e' una materia occupazione nobile, ma a basso rendimento", dice Iannodis. "Credo che solo una piccolissima percentuale della ricerca medica potrà portare miglioramenti notevoli negli esiti clinici e nella qualità della
 vita. Dobbiamo accettare serenamente questo fatto".
Articolo originale: "Lies, Damned Lies, and Medical Science" - Traduzione di Dusty -
Il Portico Dipinto

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Importante: ….pur segnalando le gravi anomalie (anche criminali) della Sanita’ Mondiale gestita dalle Lobbies  farmaceutiche e dei loro “agenti-rappresentanti” inseriti a tutti i livelli, Politici e Sanitari nel Mondo intero, vogliamo anche ricordare e spendere per Giustizia delle parole per gratificare e ringraziare quei centinaia di migliaia di medici (quelli in buona fede) che, malgrado le interferenze degli interessi di quelle Lobbies, incessantemente si prodigano ogni giorno aiutare i malati che a loro si rivolgono e che con i progressi delle apparecchiature tecnologiche per la diagnostica e delle tecniche interventive, stanno facendo notevoli progressi e raggiungono per essi risultati ed effetti benefici, che fino a qualche anno fa erano impensabili.
Vediamo ogni giorno progressi in tal senso, ma la terapeutica indicata dalla direzione della Sanita’ ufficiale Mondiale = OMS (che per la legata alle linee guida di dette Lobbies), non segue, salvo rari casi, quella curva progressiva di benessere per i malati.

Se questi bravi medici che operano giornalmente sul campo, conoscessero anche la Medicina Naturale, potrebbero migliorare e di molto le loro tecniche terapeutiche, con grande beneficio per tutti i malati.

HOME

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.